Shopping       Add to Google

Salute e Benessere

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

venerdì 22 settembre 2017
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Hotel Forsthofgut**** Superior a Leogang - nel Salisburghese

Solgar lancia Ialuronic Formula

Percorso Berbero All’Argan

Il Contatto. Benvenuti al centro di voi stessi.

Occhi ed estate

Relax nel fienile

Vai alla pagina: [1] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32

Relax nel fienile

Stampa!

L’antica usanza dei bagni di fieno sull’Alpe di Siusi: da rimedio contadino per la stanchezza a ricercatezza naturale da beauty farm

Il bagno di fieno è un’antica pratica naturale. I contadini dell’Alto Adige/Südtirol, impegnati nella fienagione sui prati degli altopiani, erano soliti passare la notte nel fieno appena raccolto: risvegliandosi all’alba, si accorgevano che la stanchezza accumulata era scomparsa e potevano tornare alla mietitura con nuova lena. È nata così la pratica empirica dei bagni di fieno, cioè l’immersione del corpo in una sorta di “bozzolo” ricavato nel fieno caldo, appena raccolto. Il primo riferimento scritto ai bagni di fieno risale al 1803, ma dal testo si può dedurre che la tradizione è molto più antica. E l’eco degli effetti benefici dei bagni di fieno deve essersi diffusa ben presto anche al di fuori delle regioni dolomitiche. A Fiè allo Sciliar fin dal 1890 sono state allestite rudimentali strutture per i bagni di fieno, e ben presto cominciarono ad arrivare i primi ospiti per sottoporsi alla cura. Nel 1900 il noto medico Josef Clara, insieme ad Anton Kompatscher, ha fatto costruire accanto al “Merlhof” un apposito stabilimento per i bagni, dotato di tutte le infrastrutture disponibili all’epoca, dando così il via all’attuale “Heubad”. In origine era possibile fare i bagni di fieno solamente nei mesi d’estate, quando il fieno era fresco nel fienile. Nel 1974 all’Hotel Heubad venne ulteriormente ristrutturato il reparto bagni di fieno, per adeguarlo alle più moderne esigenze igienico-sanitarie. Si rendeva però necessario trovare una soluzione valida per salvare il bagno di fieno con le sue caratteristiche di antica pratica naturale, proiettandolo nei tempi moderni. E, dopo lunghi anni di sperimentazione, i titolari dell’”Heubad” sono riusciti a mettere a punto un metodo innovativo dei bagni di fieno, che tra l’altro dal 1990 possono essere praticati per tutto l’anno, senza vincoli stagionali. Durante l’estate, quando all’Alpe di Siusi l’erba dei prati – ovviamente non concimati – è nel pieno della fioritura più rigogliosa, ne viene falciato un quantitativo abbondante, essicato, portato a valle e stoccato.

Il segreto del bagno di fieno
Il cosiddetto “riscaldamento” del fieno è dovuto ad un processo di fermentazione, attivato da schizomiceti che trovano il loro habitat ideale in tutti i tipi di fieno, ma in particolare in quello delle Alpi calcaree, specie quelle dolomitiche, ricco di foglie, fiori ed erbe officinali. Il processo di fermentazione si verifica in tutti i tipi di fieno, ma in modo più intenso in quello raccolto ancora leggermente umido: infatti sono ricorrenti i fenomeni di autocombustione. Si dice che il fieno delle Dolomiti sia particolarmente “grasso”, e che siano alcune specie di piante officinali, fra cui l’alchimilla, l’artemisia, la gramigna, la festuca, la lavanda, il loglio e la valeriana a favorire con le loro foglie il processo di fermentazione, portando le temperature a 40-60 gradi centigradi.

Come si svolge il bagno di fieno
Un’ora prima del trattamento, il fieno alpino secco (3-4 kg a persona) viene immerso in un secchio pieno d’acqua calda, per far rigenerare le piante officinali e liberare le sostanze attive sul corpo umano. Si distribuisce il fieno caldo e umido sul piano di una vasca speciale, rivestita di un telo monouso impermeabile, vi si fa sdraiare l’ospite che viene poi ricoperto con un altro strato di fieno caldo e umido (resta fuori solo la testa), avvolto nel telo e calato mediante un dispositivo idraulico nella vasca, adagiato comodamente sopra un cuscino d’acqua riscaldato dal basso. La temperatura si mantiene costante sui 42 gradi centigradi, agevolmente sopportabile per il sistema cardiocircolatorio. L’ospite rimane nel fieno per venti minuti, e il caldo e l’effetto tonificante sulla cute regalano una sensazione piacevole. Dopo il bagno di fieno l’ospite passa nella stanza di riposo, dove – avvolto in un lenzuolo e coperte – trascorre il periodo di reazione e di riposo. Secondo le esperienze raccolte, la nuova versione del bagno di fieno, oltre ai benefici noti dalla tradizione, offre effetti rilassanti e disintossicanti. Inoltre, grazie al ricco contenuto di erbe officinali, costituisce una meravigliosa cura dermatologica naturale. Il bagno di fieno, infine, è un elemento prezioso che aiuta le persone stressate e intossicate dalla vita moderna a ritrovare il contatto con la natura, con benefici sensibili per il fisico e la psiche.

Per informazioni:
Alpe di Siusi Marketing
Tel. 0471.709600
E-mail: info@alpedisiusi.info 
Sito web: www.alpedisiusi.info


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


22002