Shopping

Sport & Fitness

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

martedì 21 agosto 2018
   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

L’Associazione Sportiva Dilettantistica NATURAID “SULLE STRADE DELL’AVVENTURA”.

Naturaid nella Sicilia Barocca 2007

Nuova avventura Naturaid: Speleologia nella grotta in Sardegna

Nuova avventura Naturaid: 24 ore di MTB di Campiglia D’orcia

3° Naturaduno Val Lomasone 2007

Una nuova avventura per il gruppo dei Naturaider.

Il 3° NATURAID Marocco è terminato

News del 9 novembre



La gara è partita!!!

Vai alla pagina: [1] 2 3 4

Avventure nel mondo

A cura di: Maurizio Doro

Stampa!


Il 3° NATURAID Marocco è terminato

È terminato alle 19: 50 del 10 novembre 2006 con l’arrivo di Ausilia Vistarini e Giacomo Stefanelli il 3° NATURAID MAROCCO.
Sotto lo striscione Naturaid nel piazzale dell’Hotel Transatlas sono arrivati gli ultimi 2 concorrenti rimasti in gara scortati dalle jeep strombazzanti e con i lampeggianti accesi. Noi tutti eravamo lì ad aspettarli con il cuore in gola, facendo il tifo per loro e sperando che arrivassero nel tempo utile di 88 ore per entrare in classifica. I tempi calcolati erano incerti davano 50% di possibilità di riuscita, infatti il tempo stimato del loro arrivo variava dalle 19:55 alle 20:20.
É stata una grande gioia per noi vederli arrivare, ci siamo emozionati vedendo sui loro volti e nei loro sorrisi la fatica, la contentezza, il dolore, ma soprattutto la grande determinazione e il grande rispetto all’obiettivo che si erano imposti. Il pianto è stato liberatorio e Ausilia appena arrivata si è accasciata al suolo, l’adrenalina l’ha accompagnata fin sotto lo striscione poi l’ha abbandonata e hanno preso il suo posto i sentimenti, le sensazioni, i pensieri, i ricordi. I compagni hanno applaudito a lungo questo momento mentre Giacomo con gli occhi lucidi raccontava la "sua gara-avventura".
E’ stato veramente un grande Naturaid, una gara resa estrema dalle pessime condizioni atmosferiche che l’hanno caratterizzata per tutte le 88 ore, mettendo veramente a dura prova tutti gli atleti.
22 biker partenti e 11 arrivati, è la dimostrazione che il percorso era veramente impegnativo e gli atleti hanno dovuto affrontare degli imprevisti eccezionali, come grandine, neve, vento, freddo. Fortissimi acquazzoni hanno reso le piste argillose delle vere e proprie paludi dove si sprofondava fino alla caviglia tanto che la scarpa restava incollata quando si cercava di fare un passo.
Bisognava spingere o portare la bici in spalla perché il fango che s’infilava e s’incastrava tra il cambio e la forcella bloccava il movimento delle ruote.
Ci sono stati dei momenti dove l’andare avanti era diventato quasi una sfida alle proprie capacità; camminare nel fango per qualche ora di notte con la bici sulle spalle per qualcuno è stato veramente una grande impresa al limite. Poi, quando venivano a mancare le forze, si adottava la progressione a “bruco”  per superare gli acquitrini più difficili. Andare a “bruco” significava  portare  avanti prima le borse per 2-300 m, poi la bici e avanti così cercando di uscire da questa situazione di grande incertezza. Qualcuno ha ceduto psicologicamente e si è ritirato. Altri hanno resistito e, per recuperare, si fermavano qualche ora  nel sacco a pelo sotto qualche grosso albero al riparo dalla grandine. Ognuno gestiva  le proprie conoscenze e le proprie  forze. Alcuni sono stati aiutati dalle popolazioni berbere che vivono sparpagliate insieme al loro bestiame sulle montagne. Venivano accolti nelle loro povere case e nonostante non riuscissero a comunicare si creava comunque una grande intesa. Per loro il cibo e il posto per dormire era assicurato.  I berberi sono gente povera, ma gente con grande educazione e dignità: non hanno nulla, ma ti offrono tutto.
Le situazioni che ogni concorrente ha vissuto erano completamente differenti, chi era avanti o dietro di diverse ore magari non ha incontrato la grandine o la pioggia ma ha guadato piste decine e decine di volte con l’acqua fredda fino alla coscia; altri hanno guadato piccoli torrenti e magari affrontato le piste di notte sotto la grandine; altri ancora hanno dovuto rinunciare ad attraversare un torrente impetuoso e hanno passato la notte in un rifugio berbero.
Il Naturaid è un unico evento, ma i concorrenti erano 22 e 22 sono state le gare, ognuno ha vissuto una situazione completamente differente, la sua e unica gara, nessuno ha pensato alla vittoria, ma l’obiettivo per tutti era arrivare alla fine di questa Avventura.
Ognuno ha avuto la sua gara e ognuno ha avuto la sua vittoria.
Sono contento di aver dato vita ad un evento estremo come il Naturaid; io che sono un appassionato ed esperto di questo tipo di gare gioisco nel veder crescere di anno in anno l’entusiasmo che circonda questo appuntamento. Sicuramente il Naturaid è entrato di diritto e fa parte nel mondo delle gare estreme, ha dimostrato di crescere bene ed essere un buon principe che ha imparato dalla regina indiscussa delle gare più estreme al mondo con la MTB: la "IDITA IMPOSSIBLE"  che si svolge in Alaska.

Grazie a tutti gli atleti  per aver partecipato e provato questo 3°NATURAID MAROCCO.
E grazie a tutti quelli che ci hanno seguito e sostenuto in questi giorni.

Maurizio Doro
Direttore di Gara

 


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


97337