Shopping

Sport & Fitness

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

martedì 11 dicembre 2018
   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

La planata

Uso del trapezio

Partenza dalla spiaggia (beach start)

Strambata con e senza deriva

Virata in 3 passi

Virata e strambata elementari, stop d’emergenza e precedenze

Posizione di andatura nel windsurf

Manovre elementari nel windsurf

Le andature

Come si armano il rig e la tavola. E come si trasportano e si mettono in acqua

Vai alla pagina: [1] 2

windsurf... mania!

Marco Segnana & Harry Negri

A cura di: Marco Segnana & Harry Negri

Stampa!


Partenza dalla spiaggia (beach start)

La partenza dalla spiaggia è il modo più rapido, elegante e spettacolare per allontanarsi da terra. Ti evita di recuperare la vela con la cima (e spesso di cadere per colpa dell’onda, proprio dove tutti i tuoi amici ti vedono) e ti consente di partire lanciato.
Abbiamo già esaminato, nelle "nozioni di base", come trasportare in acqua l’attrezzatura.
Scegli, per imparare, una zona di partenza favorevole: acqua poco profonda, sufficiente però a non toccare il fondo con pinna e deriva, farà al caso tuo. L’acqua all’altezza del ginocchio è ideale.

Assicurati che nessun ostacolo e nessun bagnante siano nel tuo raggio d’azione. Eviterai spiacevoli discussioni.

Esaminiamo ora quale deve essere la corretta posizione della tavola, della vela e del corpo per iniziare con successo questa manovra.
· Tavola al traverso (90° rispetto al vento)
· Vela in acqua sottovento alla tavola, con l’albero orientato verso poppa
· Corpo sopravento rispetto all’attrezzatura.

Una certa difficoltà si verifica nel caso in cui l’attrezzatura si trovi in posizione di partenza errata, obbligandoti a ruotare lo scafo oppure a regolare l’angolo d’incidenza della vela con il vento. Prendiamo in esame due casi fra i più comuni:

1. La vela si trova in acqua sopravento rispetto alla tavola.
2. La vela è sottovento alla tavola, ma con il boma sopravento all’albero (la bugna è verso di te).

Nel primo caso dovrai, camminando, far ruotare lo scafo fino a che non venga a trovarsi sopravento al rg.
Nel secondo caso dovrai alzare leggermente la bugna controvento e, con l’aiuto del vento, far girare la vela.

Vediamo ora le fasi

1. Sollevare la vela dall’acqua.
Quando tenti di sollevare la vela il vento deve essere un aiuto e non un impedimento.
Con la mano anteriore afferra l’albero sopra il boma e, portandolo sopravento verso prua, solleva leggermente la vela quanto basta per farla uscire completamente dall’acqua. Tienila più piatta possibile. Infatti, se sollevi troppo l’albero prima che la bugna sia uscita dall’acqua, la vela si gonfia e, facendo perno sulla bugna, ti viene strappata di mano. Terminata l’operazione porta prima la mano di vela e successivamente quella d’albero, sul boma.

Per evitare inutili difficoltà ricordati che soltanto la mano d’albero tiene saldamente il boma. La mano di vela deve rimanere solo appoggiata, accompagnando il boma senza tirarlo o trattenerlo con forza. Non cercare di contrastare i movimenti dell’attrezzatura; vedrai che la farà perno sulla mano d’albero e prenderà, sempre automaticamente, il giusto angolo rispetto al vento.

2. Direzionare la tavola.
A questo punto, specialmente in presenza di onde, potrà risultarti difficoltoso mantenere lo scafo al traverso con la vela sollevata. Puoi correggere la posizione della tavola prima di salire, orzando o poggiando.
Per orzare avvicina al corpo la mano d’albero, portando la bugna verso poppa.
Per poggiare fai pressione sul piede d’albero, spingendo con il braccio anteriore sul boma e avanza nell’acqua girando le spalle al vento.

3. Posizionare il piede posteriore
Con la tavola al traverso posiziona il piede posteriore al centro dello scafo dietro la scassa della deriva o dietro le straps anteriori, con il ginocchio girato verso prua.
Avvicina la tavola fino a portare il ginocchio sopra il centro della stessa.

Il bacino rimane davanti al piede posteriore, per facilitare nella fase successiva il corretto assetto della tavola. Le spalle sono sempre rivolte al vento.

4. Salire sulla tavola
Distendi il braccio d’albero verso prua e cazza leggermente la vela con la mano posteriore. Infila la testa tra le braccia e tieni in alto il boma.
Sali come saliresti su una sedia.
Controbilancia contemporaneamente il peso del corpo sul piede posteriore con una trazione sulla mano d’albero (la vela però deve essere il più verticale possibile!). In questo modo il peso è equamente suddiviso tra il piede posteriore e il piede d’albero. La poppa non affonda e lo scafo mantiene la direzione al traverso. Prima di salire anche con il piede con il piede anteriore porta il bacino e le spalle sull’asse centrale della tavola.
Ora che il baricentro del tuo corpo è correttamente posizionato, sali con il piede anteriore e distendi le gambe.

...e dopo l’entusiasmo iniziale per la riuscita partenza, ritrova la corretta posizione d’andatura!

Gli errori più frequenti da evitare

Le conseguenze

Provare in acqua profonda oltre le ginocchia

É difficile salire sulla tavola

Provare in acqua troppo bassa

Rischi di danneggiare tavola e pinna

Far pressione con il piede posteriore non al centro ma sul bordo della tavola

La tavola si mette di taglio

Salire sulla tavola quando questa non è posizionata al traverso

É facile cadere sopra e sottovento

Tenere tutto il peso del corpo sul piede posteriore

La tavola si impenna e orza

Appenderti al boma e aspettare passivamente che la vela ti sollevi

Parti (forse!) solo con vento molto forte

Tirarti l’attrezzatura addosso

Cadi sopravento

Avere fretta nel salire sulla tavola prima di averla avvicinata al corpo

devi saltare per salire e spesso non parti

 

Acqua troppo profonda
e acqua troppo bassa

 

Piede posizionato troppo sul bordo sopravento

 

Esercizi consigliati:
·  Per acquisire maggior padronanza nell’orientare lo scafo prima della partenza esercitati nel 360° da fermo con i piedi in acqua.
    Fai compiere alla tavola un giro completo su sé stessa, agendo solo sul rig tenendolo sempre fuori dall’acqua.
·  Con il piede posteriore sulla tavola avvicinala e allontanala flettendo e distendendo la gamba (vedi foto sotto).
·  Sali con il piede anteriore solo dopo che la  tavola ha percorso circa 50 m. Questo esercizio ti insegnerà a distribuire correttamente il peso tra prua e poppa.
    Ripetilo anche in andatura al traverso, lascando leggermente la vela e immergendo la gamba anteriore nell’acqua fino al ginocchio.

N.B. La partenza dalla spiaggia è il primo passo per una corretta impostazione della partenza dall’acqua.

 

 


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


101577