Shopping       Add to Google

Sport & Fitness

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

domenica 15 settembre 2019
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Dall’orienteering in Ciociaria all’urban trekking a Roma

L’attività fisica migliora la qualità della vita

Un’occhiata agli sport più originali...

L’estate e gli sport acquatici...

L’altopiano dei campioni

Maratona dles Dolomites!

Vai alla pagina: 1 2 3 [4] 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28

Grandi atleti vegetariani e vegani

Stampa!

Per il supporto dell’attività fisica di allenamento e per l’agonismo è fondamentale la scelta di una dieta appropriata, che soddisfi l’elevato fabbisogno energetico e calorico e risponda alle esigenze necessarie per le funzioni vitali, per i processi di termoregolazione, la compensazione delle perdite (sudore, urina, ecc.) e il turnover dei tessuti.

I carboidrati costituiscono infatti la fonte energetica primaria utilizzata durante l’esercizio fisico intenso e prolungato. In assenza di un adeguato apporto calorico fornito dai carboidrati complessi, l’organismo è costretto a utilizzare i grassi di deposito e le proteine tissutali.

La durata dell’esercizio fisico, la sua intensità, il livello di allenamento e la quantità iniziale di carboidrati immagazzinati nel muscolo sotto forma di glicogeno, determinano il fabbisogno energetico dell’organismo dell’atleta.

Nella dieta dell’atleta, i carboidrati complessi sono il carburante d’eccellenza, mentre le proteine sono necessarie per il rinnovo e l’accrescimento del tessuto muscolare.

Cereali integrali, frutta, verdura costituiscono fonti eccellenti di carboidrati e proteine quindi un’alimentazione basata su una varietà di cereali, legumi e verdure è facilmente in grado di fornire tutti gli aminoacidi essenziali e il substrato energetico richiesto dall’organismo dell’atleta.

Considerato che il vasto apporto di carboidrati, indispensabile per l’atleta, e’ piu’ facilmente ottenibile con questo tipo di alimentazione, le diete vegetariane e vegane ben bilanciate risultano del tutto compatibili con attività sportive - anche molto intense - e sono addirittura consigliabili per chi pratica sport di resistenza.

In particolare la dieta vegana (che esclude ogni componente di origine animale) è la scelta migliore, perché consente di ottenere il giusto apporto proteico senza lo svantaggio di introdurre grassi animali.

Oltre alla teoria, in questo caso più che mai vale la pratica: è istruttivo vedere esempi di atleti a vari livelli (campioni famosi nel mondo, campioni nazionali o locali, istruttori, professionisti, agonisti dilettanti e semplici amatori) che seguono una dieta vegetariana o vegana da più o meno tempo. Non solo questi atleti non sono svantaggiati dalla loro scelta, ma spesso le loro performance ne risultano potenziate.


Sono qui elencati solo alcuni atleti di alto livello che hanno dichiarato di essere vegetariani o vegani. Ne esistono molti altri, ma questi esempi ci sembrano già significativi.

Atleta

Specialità

Principali titoli conquistati

Altre informazioni

Dave Scott

Triathlon - Iron Man

 

  • Sei volte campione nella competizione Ironman delle Hawai: 1980, 82, 83, 84, 86, 87
  • Competizione Ironman delle Hawai 1994: 2o posto all’età di 40 anni
  • Competizione Ironman delle Hawai 1996: 5o posto all’età di 42 anni
  • Vincitore nella competizione Ironman del Giappone: 1985, 1989
  • Ironman Hall of Fame: miglior atleta USA 1993
  • Triathlete Magazine Hall of Fame: miglior atleta USA 1999

Per oltre vent’anni la stella del triathlon. Le sue vittorie nell’Ironman delle Hawai, la più massacrante delle competizioni di resistenza, lo qualificano come leggenda sportiva e ne fanno tuttora una figura carismatica in quelle discipline.

Sito web

 

Edwin Moses

400 metri a ostacoli

Moses vinse il titolo olimpico con un record mondiale (47.64 s). L’anno seguente, vinse il titolo negli USA con un altro record mondiale (47.45). Moses vinse la gara successiva il 2 settembre 1977, e continuò a vincere. Subì sua prima sconfitta solo il 4 giugno 1987. In questo arco di tempo, vinse 107 finali consecutive. Lungo questa serie positiva, Moses raggiunse un altro record mondiale (47.02 nel giorno del suo compleanno, nel 1983). Vinse inoltre altri 5 titoli durante le gare di qualificazione della squadra americana per le Olimpiadi, tre titoli mondiali e un’altra medaglia olimpica nel 1984.

Il più grande di tutti! Correva i 400 ostacoli, specialità durissima e tecnicissima; da quando iniziò a correre a quando smise non perse mai una gara, fu sempre il primo: il primo a scendere sotto i 48 secondi, il primo a tenere il ritmo dei 13 passi tra un ostacolo e l’altro... gli altri ne facevano 14, lui 13!

Sito web

Walter "Killer" Kowalski

Wrestling/Catch

Nato nel 1926, ritirato nel 1977, ha combattuto per 26 anni in circa 6000 incontri.

  • Campione NWA del Texas, 1950
  • Campione NWA Pacific Coast (a squadre), 1951
  • Campione NWA Central States, 1951
  • 7 volte Campione Montreal International, 1952-62
  • Campione NWA Pacific Coast (San Francisco), 1958
  • Campione Pacific Coast (Vancouver) (a squadre), 1961, 62
  • Campione WWWF U.S., con Gorilla Monsoon (a squadre), 1963
  • 6 volte Campione del Mondo IWA (Australia), 1964-67
  • Campione U.S. (Hawaii), 1965
  • 4 volte Campione del Mondo IWA (Australia) (a squadre), 1967-71
  • Campione NWA Americas (Los Angeles), 1972
  • Campione Grand Prix (Montreal), 1972
  • Campione NWA Southern (Florida), 1975
  • Campione del Mondo WWWF (a squadre), come "the Executioners", con John Studd, 1976

Figlio di immigrati polacchi, dopo un breve periodo come operaio in uno stabilimento Ford in Canada, Walter Kowalski iniziò a farsi un nome nei tornei di lotta libera della sua regione, fino ad abbandonare completamente la professione di elettricista per dedicarsi a tempo pieno allo sport.

Agli inizi degli anni ’50 la lotta libera in USA aveva già iniziato ad assumere le caratteristiche di spettacolarità che tuttora la contraddistinguono, con lottatori noti soprattutto per le capacità istrioniche e gli stravaganti costumi. In questo variopinto mondo Kowalski, che era comunque un individuo fisicamente imponente e un lottatore dotato, assunse il ruolo di "cattivo" (il soprannome "Killer" gli fu imposto dal pubblico nel corso di un incontro in cui il suo avversario perse un orecchio).

Nonostante la sua fama (e la sua serie di vittorie che continuarono fino al suo ritiro dal ring, avvenuto nel 1978) Kowalski aveva abitudini e comportamenti del tutto sorprendenti per chi lo conosceva solo come personaggio sportivo.

Fin dall’adolescenza aveva nutrito un grande interesse per lo spiritismo e le discipline teosofiche, ed essendo rimasto molto colpito dalle critiche alla dieta carnivora contenute nei testi dei teosofisti, risolse all’età di 21 anni di rinunciare definitivamente a nutrirsi di qualsiasi tipo di carne. Nonostante l’opposizione di manager, medici e amici, che gli pronosticavano un brusco calo delle capacità fisiche, Kowalski non accusò alcun problema, e tuttora, nella scuola per lottatori professionisti che ha fondato a Salem, consiglia ai suoi allievi di diventare vegetariani.

Sito web

Martina Navratilova

Tennis

 

  • Tennista n.1 nel mondo negli anni: 1978-79-80-82-83-84-85-86-87
  • 1981-83-85 Australian Open
  • 1978-79-82-83-84-85-86-87-90 Wimbledon
  • 1982-84 Roland Garros
  • 1983-84-86-87 US Open
  • 2003 doppio misto Melbourne, 57o titolo in un torneo del Grande Slam

E’ considerata una dei maggiori atleti del ventesimo secolo.
Continua a giocare a livello agonistico internazionale.

Il 26 gennaio 2003 a Melbourne, Martina Navratilova, vegetariana dal 1993, si è aggiudicata nel doppio misto, il 57° titolo di un torneo del Grande Slam. Con questa vittoria la tennista stabilisce due record: a 46 anni e tre mesi, Martina è il più anziano giocatore a portare a casa una prova del Grande Slam (supera di un mese l’australiano Norman Brookes che vinse il doppio, sempre a Melbourne, nel 1924), ed è l’unico atleta che ha vinto in tutte le possibili specialità (singolare, doppio e doppio misto) a Wimbledon, Roland Garros, Flushing Meadows e Melbourne.

Per essere aggiornati sulle sue imprese (in italiano) e per un database sugli eccezionali risultati ottenuti:
Biografia di Martina Navratilova
Martina Navratilova: la leggenda

Carl Lewis

Salto in lungo e velocità

 

  • 1983 Mondiali di Helsinki (oro nei 100 m, nel salto in lungo e nella staffetta 4x100);
  • 1984 Olimpiadi di Los Angeles (oro nei 100 e 200 metri, nel salto in lungo e nella staffetta 4x100);
  • 1987 Mondiali di Roma (oro nei 100 metri, nel salto in lungo e nella staffetta 4x100);
  • 1988 Olimpiadi di Seul (oro nei 100 metri, nel salto in lungo e nella 4x100; argento nei 200 metri);
  • 1991 Mondiali di Tokyo (oro nei 100 metri e nella 4x100; argento nel salto in lungo);
  • 1992 Olimpiadi di Barcellona (oro nel salto in lungo);
  • 1993 Mondiali di Stoccarda (argento nei 200 metri).
  • Ex primatista mondiale dei 100 metri con il tempo di 9"86

Carl Lewis ha eguagliato un primato che si pensava ineguagliabile e che apparteneva al mitico Jesse Owens: vincere quattro titoli olimpici nella stessa edizione dei Giochi.
L’"era Lewis" è durata 17 anni, dal 1981 al 1997.
Nel 1990 l’atleta decise di diventare vegano, con la consulenza del dottor John McDougall: i risultati parlano da soli!
Il suo successo più straordinario è stato l’essere riuscito a rimanere ai vertici dello sprint e del salto in lungo per 15 anni, passando attraverso infortuni e sconfitte, con le sue sole forze, senza prendere nessun tipo di sostanze proibite. Primo senza l’aiuto della chimica... e vegan!

Sito web - 1
Sito web - 2
Sito web - 3
Sito web - 4
Dr. McDougall

Andreas Cahling

Body building

 

  • Mr Venice Beach, primo classificato nel 1976;
  • Mr Gold’s Classic AAU, primo classificato nel 1976;
  • Mr International, primo classificato e vincitore assoluto nel 1980 tra i professionisti;

Dal 1980 al 1990 ha sempre raggiunto le finali nei concorsi di Mr Universo e nel campionato mondiale per professionisti IFBB, conquistando piazzamenti molto importanti.

Sito web

Billie Jean King

Tennis

 

  • 6 titoli conquistati a Wimbledon nel singolo (1966, 1967, 1968, 1972, 1973, 1975);
  • 10 titoli conquistati a Wimbledon nel doppio (1961, 1962, 1965, 1967, 1968, 1970, 1971, 1972, 1973, 1979);
  • 4 titoli conquistati a Wimbledon nel misto (doppio composto da uomo e donna) (1967, 1971, 1973, 1974);
  • 4 titoli conquistati agli US Open nel singolo (1967, 1971, 1972, 1974);
  • 5 titoli conquistati agli US Open nel doppio (1964, 1967, 1974, 1978, 1980);
  • 1 titolo nel singolo agli Open di Australia(1968);
  • 1 titolo nel singolo agli Open di Francia (1972);

E’ stata la prima donna ad eguagliare il record stabilito nel 1939 da Alice Marble: la vittoria del titolo di singolo, doppio e misto al torneo di Wimbledon e agli US Open nella stessa stagione.

Nel 1967 è stata scelta come migliore atleta donna del mondo.

Nel 1972 la rivista "Sports Illustrated" l’ha nominata "Personaggio sportivo dell’anno" (la prima donna a ricevere questo riconoscimento).

Nel 1973 è stata eletta migliore atleta donna del mondo.

Con il totale di venti titoli conquistati a Wimbledon ha stabilito un record.

E’ stata la prima atleta donna a vincere oltre 100.000$ in premi sportivi in un’unica stagione agonistica.

Sito web

Debbi Lawrence

Maratona

 

  • 3 partecipazioni ai giochi olimpici (1992, 1996, 2000);
  • 8 titoli ai campionati statunitensi outdoor (1984, 1986, 1990, 1991, 1992, 1993, 1996, 1997);
  • 4 titoli ai campionati statunitensi indoor (1992, 1993, 1994, 1997); medaglia d’argento ai giochi Panamericani nella 10km di marcia (1991).

Sito web

Desmond Howard

Football americano

 

  • Heisman Trophy - 1991
  • Vincitore del Maxwell Award - 1991
  • Miglior giocatore in attacco AP Offensive Player of the Year - 1991
  • Vincitore del Walter Camp Award - 1991
  • All-Big Ten - 1990, 1991
  • All-American - 1991

E’ stato uno dei migliori giocatori di football americano di college di tutti i tempi.

Sito web

Paavo Nurmi

Corsa

 

  • 1920, alle Olimpiadi di Anversa, vinse la gara dei 10000 metri, arrivò secondo nei 5000 e vinse un titolo di squadra;
  • 1924, alle Olimpiadi di Parigi, vinse 5 medaglie d’oro (nonostante i responsabili della squadra finlandese cui apparteneva gli avessero proibito di partecipare ai 10000 m per lasciare qualche speranza agli altri atleti finlandesi);
  • 1928, alle Olimpiadi di Amsterdam, vinse 3 medaglie (2 argento ed 1 oro)

E’ il detentore del maggior numero di medaglie olimpiche tra gli atleti di atletica leggera (12 medgali, 9 delle quali d’oro) e di record mondiali (31). Il 10 luglio del 1924, alle Olimpiadi di Parigi, in meno di un’ora vinse la gara dei 1500 metri in 3:53.6 e la gara dei 5000 metri in 14:31.2. Si è ritirato dalle competizioni all’età di 37 anni.

Sito web

Pierre Vérot

Sci

Detiene il record di resistenza di sci alpino: 83 ore e 2 minuti nel 1982 (tuttora imbattuto)

E’ stato istruttore di sci alla scuola Jean Vuarnet in Francia; nel 1975 ha fondato la prima scuola di sci acrobatico in Canada. Pratica numerosi altri sport: corsa, nuoto, paracadutismo, equitazione, alpinismo, pentathlon, judo, karate, rugby, tennis, calcio, ciclismo e pallavolo.

Sito web

Ridgely Abele

Karate e Jujitsu

Ha vinto numerosi tornei regionali, nazionali ed internazionali tra cui il campionato nazionale dell’Associazione di Karate degli Stati Uniti e il primo campionato professionistico della Florida. Nel 1983 e nel 1985 ha vinto il campionato del mondo USKA.

E’ allenatore per la Federazione Statunitense di Karate, e allena la squadra nazionale di karate degli Stati Uniti; Nel 1982 è stato nominato istruttore capo di Shuri-ryu (un’arte marziale di cui esistono solo sei istruttori capo al mondo).

Sito web

Robert Sweetgal

Marcia

 

 

  • Nel 1984-85 ha attraversato marciando tutti i 50 stati degli USA in un anno: oltre 18.000 km (11.208 miglia), quasi 50 km (31 miglia) al giorno.
  • Ha attraversato a piedi 7 volte gli Stati Uniti.
  • Nel 1983 ha stabilito il record mondiale di marcia con 17.071 km percorsi in 279 giorni, (9 mesi e 6 giorni).

Sito web

Al Oerter

Lancio del disco

 

  • 1956 medaglia d’oro olimpica, record olimpico;
  • 1960 medaglia d’oro olimpica, record olimpico;
  • 1964 medaglia d’oro olimpica, record olimpico di 60.54 m (nonostante una vertebra cervicale spostata);
  • 1968 medaglia d’oro olimpica; con il suo miglior lancio in assoluto di 64.78 m (a 32 anni)

La vittoria di 4 titoli consecutivi è un fatto eccezionale, nel 1972 non partecipò.

Sito web

Anthony Peeler

Basket

 

  • Ha partecipato a 30 Playoff NBA.
  • Nel 2000 ha segnato, contro i L.A. Lakers, il suo seimillesimo punto in carriera.
  • Nel 1995-96 è stato capitano dei L.A. Lakers e si è classificato 19esimo nella classifica NBA.

Per vedere tutti i risultati: NBA/Athony Peeler

Bill Pearl

Bodybuiling

 

  • 1953 Mr. Southern California
  • 1953 Mr. California
  • 1953 AAU Mr. America
  • 1953 NABBA Mr. Universe
  • 1956 Mr. USA, Pro
  • 1956 NABBA Mr. Universe, Pro
  • 1961 NABBA Mr. Universe, Pro
  • 1971 NABBA Mr. Universe, Pro
  • 1967 NABBA Mr. Universe, Pro
  • 1978 WBBG Hall Of Fame
  • 1988 Pioneers of Fitness HOF
  • 1992 Gold’s Gym HOF
  • 1994 The Joe Weider HOF
  • 1995 Heidenstam Found. HOF
  • 1995 AAU Lifetime Achievement
  • 1996 APLF Hall of Fame

Ha vinto il titolo agonistico di Mr. Universe nel 1971, a 41 anni, senza assumere steroidi e da vegetariano.
E’ considerato uno dei più grandi bodybuilder di tutti i tempi.

Sito web

Murray Rose

Nuoto

 

  • Record mondiali 400 e 1500 metri stile libero.
  • 1956 3 medaglie d’oro (400m, 1.500m e 4x200m stile libero)
  • 1960 3 medaglie (400m oro, 1.500m argento e 4x200m bronzo)

Una leggenda dello sport, Rose a 17 anni conquistò i titoli olimpici a Melbourne, diventando il più giovane vincitore di tre medaglie d’oro contemporanee: è vegetariano della nascita.

Sito web
Sito web - 2

Ruth Heidrich

Triathlon (Ironman)

6 titoli Ironman (3.800 metri di nuoto, 180 Km di ciclismo e 42 di corsa).
Ha vinto più di 700 competizioni tra maratona, triathlon, pentathlon e altro.

E’ diventata vegana e triatleta dopo la diagnosi di tumore della mammmella, nel 1982.
E’ presidente della "Vegetarian Society of Hawaii".

Sito web
Sito web - 2

Per capire quale resitenza sia necessaria nell’Ironman (in italiano): Triathlon-ironman.


Un grazie per la collaborazione a
Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana

www.scienzavegetariana.it


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


3869