Shopping

Estetica e Cosmesi

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

lunedì 15 ottobre 2018
   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Il concetto di spirito nella tradizione cinese. Confronto con le diverse vedute occidentali e ricadute relative alle pratiche mediche tradizionali

Universalità della cultura: assonanze bibliche di alcuni ideogrammi cinesi

Simboli beneauguranti nella tradizione cinese

Gli aquiloni cinesi

Cosmetici e profumi dell’Antico Oriente

I piedi fasciati nelle donne cinesi

L’Estesiologia: la ricerca della bellezza come equilibrio

I bagni pubblici romani

Profumi e cosmetici a Roma

I Greci e la loro toilette

Vai alla pagina: [1] 2

A ritroso nel tempo

A ritroso nel tempo

A cura di: Beltade.it

Stampa!


I Greci e la loro toilette

Gli antichi Greci attribuivano particolare importanza alla cura del proprio corpo. Nelle Metamorfosi Ovidio descrive dettagliatamente la toilette di una giovane greca dell’epoca e, tra le altre cose, dice che i capelli venivano pettinati accuratamente e frizionati con una lozione al rosmarino, mentre il viso ed il corpo erano lavati due volte al giorno con acqua di fonte.

In epoca classica le donne adottarono acconciature molto complicate: generalmente, le lunghe e folte chiome venivano raccolte in chignon dietro il capo e fermate con spille e pettini decorati. Mentre le fanciulle portavano i capelli sciolti sulle spalle, con un semplice nastro che scopriva loro la fronte, le donne adulte li scioglievano solo in occasione di particolari cerimonie.

Tra le tinture per capelli, la colorazione bionda era particolarmente apprezzata.
Oli profumati proteggevano le chiome dall’aggressione del sole; ancora oggi alcune donne del Peloponneso utilizzano un’antica ricetta: dopo aver fatto bollire foglie e bacche di lauro, estraggono un olio che, massaggiato sui capelli, li mantiene morbidi e sani.

Medea, la maga del ciclo degli Argonauti, curava così le persone affette da reumatismi: dopo averle fatte spogliare, le faceva rimanere in piedi all’interno di un bacile colmo di acqua ricaldata da un fuoco a carbone. I vapori davano sollievo ai muscoli affaticati... e il bagno turco era nato!

Le donne greche utilizzavano quotidianamente creme di bellezza e fard: la cerussa rendeva l’incarnato più chiaro, mentre un rosso estratto dall’orcanetto ravvivava le guance e le labbra. Gli occhi e le sopracciglia, invece, venivano messi in risalto coll’utilizzo di colorazioni nere o brune; le resine di ciste (o l’antimonio) erano gettate nel fuoco e la fuliggine originantesi veniva raccolta su un vassoio posto sopra le fiamme. A quel punto, le donne la raccoglievano tra l’indice e il pollice e l’applicavano direttamente sulle ciglia.

 


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


70407