Shopping       Add to Google

Home

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

domenica 17 novembre 2019
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Wellness the best: Premium Spa Resort Hotels presenta il lusso!

Cellulite. La panniculopatia edemato-fibro-scleroso in Medicina Cinese.

Stampa!

La panniculopatia edemato-fibro-scleroso in Medicina Cinese. Considerazioni generali ed esperienze
Autore: Carlo Di Stanislao

“Puritanesimo: l’ossessionante paura che qualcuno, da qualche parte, potrebbe essere felice”

H. L. Mencken

In Medicina Cinese la “cellulite” è un accumulo di Yin e di Liquidi che si deve o eccedenza ponderale o a problemi strutturali corporei [1] [2]. Nel primo caso la cellulite si inserisce in una condizione di adiposità generalizzata e si riconduce a turbe della funzione di “trasparto/trasformazione” della Milza; nel secondo a turbe del Rene e più propriamente dei Curiosi Chong Mai e Yang Wei Mai, con adiposità circoscritta e spiccate turbe posturali. Va qui infatti detto e sottolineato che, secondo vari esperti, le adiposità circoscritte sono legate a problemi di fascie, allineamento corporeo e pertanto postura [3]. Premesso che la postura è corretta quando: la struttura portante (ossa e articolazioni), nelle sue parti e nell’insieme, è disposta secondo lo schema che la natura, nella evoluzione, ha stabilito come "ideale"; morfologicamente è caratterizzata da un esatto riferimento: alle linee verticali di Barrè e alle linee orizzontali di corrispondenza delle spalle e del bacino al giusto allineamento degli  arti, ogni modificazione, sotto l’aspetto dinamico,  altera una simmetrica distribuzione delle tensioni e una esatta trasmissione delle forze al suolo. Ne consegue che un corpo che non assolve questi codici, si porta dietro deformazioni più o meno gravi a vari livelli ed è più o meno brutto, indipendentemente dal suo peso (ovviamente entro certi limiti). Ma se un soggetto ha una postura non corretta possono seguire diverse alterazioni dell’aspetto, oppure a livello delle ginocchia o del bacino. La deformazione moltiplica l’evidenza del grasso in certe zone. Ci sentiamo di dire che questo è il fattore più importante della cosiddetta adiposità localizzata. Ma possiamo esprimere altre ipotesi di concause che derivano sempre dalla scienza posturale. Dove si verifica una deformazione della struttura, i fenomeni vitali e di ricambio vanno incontro ad alterazioni e i tessuti si addormentano; appare evidente quindi che tessuti di deposito debbano trovare in queste zone luoghi più idonei e di difficile rimozione. Inoltre in relazione alla prevalente attività, il corpo può trovare vantaggio da modificazioni della conformazione e distribuzione del peso. Le leggi della fisica dicono che una massa, tanto più è stabile quanto più il suo baricentro è posto in basso, vicino alla base di appoggio; tanto più è instabile quanto più in alto esso si trova. Se una persona (casalinga, commessa, ecc.) passa gran parte del suo tempo ferma o in piedi , non può che avvantaggiarsi da un abbassamento del suo baricentro cioè da un aumento di volume dal bacino ai piedi; di conseguenza si ha un accumulo di grasso in queste zone ed edema degli arti inferiori. Se invece la persona
è adibita a una attività motoria caratterizzata da continui spostamenti, un aumento di massa delle regioni alte, per legge di meccanica, renderà instabile il suo equilibrio e faciliterà gli spostamenti. Un facchino, un lavorante agricolo, ingrassa, di norma, dall’addome al torace, alle spalle (fig. uomo). Pertanto per risolvere il problema all’origine dobbiamo riportare il corpo ad una condizione tale che siano concomitanti le seguenti tre condizioni: 

  1. il migliore allineamento
  2. la migliore distribuzione delle forze
  3. una vitalità e ricambio tissutale uniformemente esteso a tutte le parti del corpo.

Non dimentichiamo che una postura corretta e "dinamica" è anche il più fisiologico mezzo di consumo energetico: se la postura è corretta e dinamica (non passiva) tutti i muscoli lavorano armonicamente senza contratture e consumano calorie, se, al contrario, la postura non è armonica pochi muscoli lavorano troppo e altri, addirittura, non lavorano. IN Medicina Cinese l’assetto posturale dell’individuo poggia essenzialmente sui Meridiani Curiosi e fra essi soprattutto Chong Mai e Yang Wei Mai sono legati ad adiposità localizzate di tipo cellulitico con sconvenienti assetti posturali. In definitiva, le forme di cellulite ed obesità diffusa (donna tipo Botero) si deve immaginare una turba della Milza-Pancreas, in situazioni, inece, più canoniche e localizzate o a turbe del Chong Mai (donne tipo Watteau o Rubens) o Yang Wei Mai (donne tipo Klimt).

Tipo

Aspetto

Agopuntura

Dietetica [4]

Farmacologia [5]

Milza-Pacreas

Obesità diffusa, cellulite sia sopra che sottodiaframmatica (accumulo di masse cellulitiche ai pilastri ascellari e agli avambracci, oltre che su glutei, addome, fianchi e coscie)

BL20, SP3, CV9, CV12

Eliminare alimenti dolci, alcolici, faculenti (pane e patate). Dare alimenti amari e freschi. Evitare le bolliture e le cotture a bagno Maria

Wu Ling San [6]

Chong Mai

Aspetto a « pantaloni da cavallerizzo », con accumulo ai fianchi, glutei, ventre. Adiposità molle o poco infiltrata. Alterazioni assetto psturale, con lombalgie L2-L3 che discendo posteriormente verso le coscie, fino al ginocchio.

SP4, ST30, KI11, CV4

Dare alimenti dolci (cereali, carne di manzo, ecc.) o piccanti (melanzane, peperoncini, carne di cavallo, ecc.). Evitare l’eccesso di sale

Si Wu Tang [7] e modifiche [8]

Yang Wei Mai

Cellulite delle cosce, area interglutea, regione trocanterica, dura, infiltrata, compatta, tendente rapidamente alla sclerosi. Alterazioni posturali con ridizione lordosi ombare. Pseudosciatalgie per lo più monolaterali.

BL62-59, GB29

Dare alimenti rinfrescanti, come verdure, frutta, pesce. Evitare tutto ciò che riscalda (caffè, alcolici, condimenti forti), ecc.

Du Zhong Ji Tian Tang [9]

Molto utile la fitoterapia energetica con piante occidentali.


Tipo

Rimedio [10]

Soggetto Terra, con obesità ginoide in un contesto di aumento corporeo. Tipo “Botero”

Calamus tinctorius, Phaseolus vulgaris, Rhamnus frangula.

Tipo Acqua Yin, con edema duro, infiltrato ed aspetto a « pantaloni da cavallerizzo ». Tipo “Rubens” e “Watteau”

Achillea, Marrubium, Verbena officinlis

Tipo Acqua Yang, edema doloroso, diffusione cosce e ginocchia, soggetto “Klimt”.

Solidago virga aurea, Betulla alba, Aesculus hyppocastanum

Applicando questi schemi congiuntamente a regole dietetica generali, determina eccellenti risultati.

Indirizzo per chiarimenti
Carlo Di Stanislao
Servizio ambulatoriale di agopuntura e moxa
UOC di Dermatologia-Dipertimento di Medicina
PO S. Salvatore
Via Vetoio 6
67100 L’Aquila
E-mail: dermoaq@libero.it; dermoaq@katamail.com
URL: www.agopuntura.org

Bibliografia e Note

[1] Di Stanislao C.: Le metafore del corpo: dal simbolo alla terapia. Percorsi integrati in Medicina Naturale, Vol 1. Testa e Bacino, Ed. Casa Editrice Ambrosiana, Milano, 2004.
[2] Di Stanislao C., Corradin M., Brotzu R.: Trattamento della panniculopatia edememato-fibrosclerosa (cellulite) mediante combinazione di agopuntura, dietetica energetica ed omeopatia, La Mandorla (www.agopuntura.org), 2001, 11.
[3] Lazzari E.: Adiposità localizzata e postura, http://www.lapelle.it/med_estet/postura.htm, 2003.
[4] Utile, in tutti i tipi, l’impiego di tè.Vale la pena accennare al fatto che i diversi tipi di tè si ottengano dai differenti metodi di fermentazione ed essiccazione delle foglie della Camelia sinensis (pianta della famiglia delle Teacee), ed hanno contenuti variabili in caffeina (dallo 0,9 al 5%), teofillina, teobromina, olio essenziale e tannini catechi (dal 5 al 27%). Le foglie fermentate ed essiccate in modo completo danno il cosiddetto tè nero, molto ricco in caffeina; se invece sono immediatamente riscaldate si ottiene il tè verde, che è meno ricco in caffeina e a maggior contenuto tannico. Quando, nel corso della fermentazione naturale, le foglie da verdi diventano rosse al 30%, si ottiene il tè oolong che è quindi definito semifermentato. Secondo la Medicina Cinese e Giapponese è questo tipo di tè il più efficace contro l’obesità, perché riduce sia la lipasi pancreatica, sia il livello di grassi nel sangue. Studi recenti dimostrano, infine, che sia il tè verde che quello oolong sono ricchi di polifenoli i quali, bloccando l’acetilCoAcarbossilasi, riducono la sintesi di acidi grassi. Va aggiunto che la ricchezza in tannini può risultare lesiva per la parte gastrica e, soprattutto, produrre una acidificazione salivare con ripercussioni negative sullo smalto dentario. Occorre, pertanto, non abusare di questa bevanda soprattutto se si hanno problemi di dispepsia ipersecretiva, ernia iatale o patologie dentarie. Consumare una tazza di tè 1-2 volte al dì è utile nelle terapie adiuvanti dei soggetti obesi.
[5] AAVV: Formulario di Farmacologia Cinese, Ed. Lao Dan, Milano, 2004.
[6] Formula classica contro le ritenzioni idriche desunta dalla Shang Han Lun

Nome Latino & Cinese

Dosaggio in %

Alisma orientalis rizoma, Ze Kie

30%

Atractylodes macrocephala rizhoma

20%

Polyporus umbellatus sclerotium, Zhu Ling

20%

Poria cocos sclerotium, Fu Ling

20%

Cinnamomum cassia ramulus. Gui Zhi

10%

La si usa in cp. da 500 mg con dosaggi rifratti fino a 6 g/die (2 cp dopo i tre pasti, in media, per 1-3 mesi). Nel caso in cui si voglia forzare la diuresi si aggiunge (in taglio tisana) Sang Bai Pi (Morus alba cortex radicis), 20 g ad ogni somministrazione (tre volte al dì in media, come già visto).
[7] La formula è citata per la prima volta nel testo Tai Ping Hui Min He Ji Ju Fang (Formulario di Sua Grazia Imperiale dell’Epoca Tai Ping), redatto fra il 1078 e il 1085 d.C.


Nome Latino & Cinese

Dosaggio In %

Rhemannia glutinosa radix preparata, Shu Di Huang

30,5%

Angelica chinensis radix, Dang Gui

26%

Paeonia lactiflora radix, Bai Shao Yao

26%

Ligusticum chuanxiong radix, Chuan Xiong

17,5%

La si usa in cp. da 500 mg con dosaggi rifratti fino a 6 g/die (2 cp dopo i tre pasti, in media, per 1-3 mesi).
[8] In caso di tendenza a masse cellulitiche dure, infiltrate, fredde, con dolore locale si aggiungono Carthamus tictorius (Hong Hua), g 10 e Persicae semen (Tao Ren), g. 15. Si ottiene così la formula Tao Hong Si Wu Tang. Il semen Persicae contiene cianosidi che, in dosi elevate possono creare problemi di tossicità acuta.
[9]


Nome Latino & Cinese

Dosaggio in %

Dioscorea opposita rizoma, Shan Yao

16%

Rhemannia glutinosa radix preparata, Shu Di Huang

16%

Cinnamomum cassa cortex, Rou Gui

8,5%

Cuscuta chinensis semen, Ti Si Zi

8,5%

Epimedium sagittum herba, Yin Yang Huo

8,5%

Eucommia ulmoide cortex, Da Zhong

8,5%

Lycium barbaricum fructus, Gou Qi Zi

8,5%

Morinda officinalis radix, Bai Ji Tian

8,5%

Polygomum mutiflorum radix preparata, He Shou Wu

8,5%

Psoralea caryoèhillata fructus, Bu Gu Zhi

8,5%

La si usa in cp. da 500 mg con dosaggi rifratti fino a 6 g/die (2 cp dopo i tre pasti, in media, per 1-3 mesi).
La presenza di Psoralea, ricca di furocumarine, rende la formula fotosensibilizzante. Va usata con prudenza in aso di soggetti con fotodermatosi, orticaria solare o cute chiara, occhi celesti, capelli biondi.
[10] In Estratto Fluido (15-30 gtt) o Tintura Masre (25-50 gtt), tre volte al dì dopo i asti per 1-3 mesi.
[11]

  1. Bere molta acqua e tisane per depurarsi (limitate l’uso del caffè)
  2. Eliminare il consumo di zuccheri semplici (mangiare frutta e specialmente mirtilli)
  3. Diminuire i grassi (specialmente grassi animali: salumi, formaggi grassi, burro, panna)
  4. Mangiare più proteine ( quindi: carne, pesce, uova e proteine vegetali: legumi)
  5. Limitare l’uso di sale, l’eccesso del quale favorisce la ritenzione dei liquidi peggiorando la cellulite ( un consiglio: insaporite i pasti con le erbe aromatiche)

[12] Di Stanislao C., D’Onofrto T.: I trattamenti di bellezza in Medicina Cinese, monografia AMSA, Roma, 2004.


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


8760