Shopping       Add to Google

Nuove Tendenze

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

domenica 16 giugno 2019
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Concorso Sposidea 2007

La vacanza dedicata ai bambini

Alla scoperta dei castelli di Parma e Piacenza

L’isola d’Elba in Tour

Coralli nel Mediterraneo

Il cibo buono che fa anche bene

Vai alla pagina: 1 2 3 4 5 6 7 [8] 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38

Alla scoperta dei castelli di Parma e Piacenza

Stampa!

L’avventura della storia in tre castelli: San Pietro in Cerro, Paderna e Aguzzano:
a spasso tra i gioielli castellari del Piacentino

Avventura, storia e arte, un pizzico di mistero ed enogastronomia d’eccellenza.  Sono gli ingredienti speciali per un viaggio senza tempo, alla scoperta dei castelli del Ducato di Parma e Piacenza. Questi splendidi gioielli riuniti in Associazione propongono un itinerario tutto emiliano: San Pietro in Cerro, Paderna e Agazzano.
Prendendo la via Emilia verso Piacenza, nei pressi di Fiorenzuola d ’Arda c’è Cortemaggiore, un delizioso paese rinascimentale, attraversato il quale, si incontra San Pietro in Cerro, con i suoi richiami storici (il municipio ex casino di caccia, la chiesa di San Pietro Apostolo e la villa Barattieri). La costruzione, come ricorda un’epigrafe su pietra nel cortile loggiato, avviene nel 1460, su un impianto di un più antico fortilizio e per oltre mezzo millennio è appartenuto alla famiglia Barattieri. L’atmosfera riecheggia storie straordinarie, narrate dalle 30 stanze, dai due saloni d’onore, dalla stupenda cucina, dagli snelli loggiati e dall’incantevole cortile rinascimentale. Gli affreschi e agli arazzi raccontano di come i Barattieri diventarono famosi a Venezia recuperando dal mare la colonna con San Giorgio e il drago e quella con il leone di San Marco, di come giunsero a Piacenza nel ‘200 e di come le loro storie si intrecciarono con quelle dei Visconti e degli Sforza. Certo, la prigione un po’ tetra (le punizioni a quei tempi erano molto severe), i torrioni angolari a sezione circolare per sviare i colpi di bombarda (nel ‘300 erano state inventate le armi da fuoco) e la morte di Bartolomeo Barattieri, costruttore del castello, illustre giureconsulto e ambasciatore presso papa Giulio II della Rovere (il papa di Michelangelo), pugnalato nel sonno da un servo, che fu a sua volta decapitato, qualche brivido lo daranno. Ma la realtà è sempre più sorprendente della fiction. Tornare a pensieri più miti è possibile con il mim, il Museum in Motion, ovvero “Museo in continuo divenire”, una straordinaria raccolta permanente di opere d’arte contemporanea soprattutto piacentina, ma anche nazionale e internazionale, creato negli spazi del sottotetto dall’attuale proprietario del castello Franco Spaggiari.
Nella quieta della campagna piacentina, tra i campi coltivati, ecco poi apparire il castello di Paderna, struttura difensiva con spiccata vocazione rurale. Superato il ponte sul fossato pieno d’acqua, e dopo il torrione con i camminamenti di ronda, ecco il vasto cortile interno, con le stalle e gli spazi coperti, fino alla Torre dell’Acqua e il suo orologio fine ‘700. Patiti del mistero? Qui ce n’è a volontà a cominciare dalle origini del castello (IX secolo), oggi di proprietà della famiglia Pettorelli che ne ha fatto una straordinaria azienda agricola biologica, sede di percorsi didattici: 37 ettari di meraviglie della natura, molte delle quali salvate dall’estinzione, 800 alberi autoctoni, 35 specie di mele antiche, vigneti con vecchie varietà d’uva. Mentre visitate la suggestiva sala d’armi e le stanze più antiche con le volte a ombrello della Torre, ci si può informare sui prestigiosi interni andati perduti (la camera da letto in cuoio e la fastosa Sala d’Onore). Si può poi visitare la chiesa di Santa Maria (X secolo) e divertirsi al racconto dell’antipapa Giovanni XVII, vescovo di Nonantola e arcivescovo di Piacenza, costretto ad attraversare Roma seduto a rovescio sulla groppa di un asino. Per terza ed ultima meta del viaggio, Agazzano, si raggiungere Piacenza e da qui la Val Trebbia, in direzione Rivalta-Gazzola. Tra i dolci rilievi e il corso del torrente Luretta attende una doppia sorpresa: la Rocca del ‘400 e il Castello del ‘700, onuste di storia, dalla Tavola Alimentaria del II secolo d.C. alle violenze delle truppe di Federico II, dalle origini scozzesi del primo feudatario, il condottiero guelfo Alberto Scoto, (gli attuali proprietari sono i discendenti degli Anguissola-Scotti e dei Gonzaga di Vescovato) alle efferate imprese di Pier Maria Scotti, detto “il Buso”. Perché, forse in ossequio agli antenati highlander, la Rocca ha il suo fantasma, quello, appunto, del Buso che qualcuno giura di aver visto aggirarsi lungo il fossato, mulinando la spada che lo rese tristemente celebre in vita. Storie di guerre e di assedi, di esilii e di ritorni, di supplizi (vedrete il terribile “pozzo del taglio”) e di tradimenti. Qui sono familiari nomi come Visconti, Arcelli, Anguissola, Gonzaga e si ebbe a che fare con imperatori (Sigismondo) e papi (Leone X). Ma Agazzano è anche bellezza e raffinatezza, soprattutto negli interni del Castello settecentesco, una tranquilla dimora nobiliare che non conobbe assalti alla spada, ma lavoro di architetti e di artisti di rilievo (Villoresi, Spolverini, Magnasco, Cambiaso). Impossibile non farsi incantare dalla Sala del Piano, dalla Sala della Musica, dalla Biblioteca col salottino Carlo X, dal biliardo secentesco e dal Giardino Invernale, dalla quadreria e dalle consolle del ‘700, dalle porcellane di Capodimonte e di Sévres e da quelle giapponesi. Sono solo alcuni dei preziosi racchiusi in questo scrigno piacentino.
La provincia di Piacenza è una fonte inesauribile di bontà e di tipicità uniche al mondo, con denominazioni e certificazioni d’ogni tipo. Anche l’itinerario è punteggiato da ristoranti, trattorie e esercizi alimentari dove gustare (e acquistare) delizie come la celeberrima coppa e i salumi piacentini, i “pisarei e fasô”, i tortelli e le tagliatelle, lo stracotto di asinina, per citare i più noti, e vini come il Gutturnio, l’Ortrugo e le malvasie. E adesso, che lo splendido viaggio nel tempo abbia inizio!

Per informazioni:
Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza – Club di Prodotto
Tel. 0521.829055/823221 – Fax: 0521.823246
Sito web: www.castellidelducato.it  E-mail: info@castellidelducato.it

Il Castello dei misteri:‘Dinner in Blue’ con Carlo Lucarelli Castello di Felino (PR) - Domenica 24 luglio 2007
E’ un luogo, il Castello di Felino, che come tutti i castelli sembra parlare una lingua in codice. E’ uno spazio, la fortezza, che evoca vicende e storie imprigionate dal passato in pareti impenetrabili e spesse che racchiudono misteri e segreti dai quali gli sguardi indiscreti di coloro che abitano i territori appena fuori da esse sono inevitabilmente esclusi.
I lunghi corridoi, le ampie sale, le scalinate che si arrampicano con ostinazione dai sotterranei fino alle torri, sono, nell’immaginario collettivo, lo scenario ideale per un racconto che parla di misteriose sparizioni all’interno di insospettabili passaggi segreti, antiche leggende che continuano a provocare sussulti al primo rumore nella notte, subdole cospirazioni che meditano infami delitti.
E’ dunque un luogo, il Castello di Felino, che sembra fatto apposta per ospitare Dinner in blue, un incontro a cena con l’autore italiano che più di ogni altro lega il proprio nome al concetto di mistero. Il 24 luglio 2007, dalle ore 20.00, Carlo Lucarelli sarà alla fortezza per presentare il suo ultimo libro, parlare della propria esperienza di scrittore e di ideatore di inchieste televisive e rispondere alle domande di chi vorrà partecipare a questo banchetto in blue, altamente consigliato agli appassionati delle atmosfere cupe e della buona cucina a tema. 
L’antipasto di Stuzzichini dello Chef, bagnato da Malvasia e Sauvignon dei Colli di Parma, apre un menu che, se dal mistero trae la propria ispirazione, non lascia invece alcun dubbio riguardo alla propria raffinata eccellenza. I Maltagliati con ragù di faraona e parmigiano sono la cima dalla quale la carrellata delle portate scivola verso sfumature decisamente più livide:  dopo la piccata di filetto di manzo ai riflessi Blue della tartare di melanzana, i babà ai frutti di bosco Blue con gelato alla cannella promettono di mantenere viva quella sensazione di attesa e di eccitazione che le parole di uno dei massimi esponenti del genere noir, nonché esperto di vicende dai contorni poco definiti e mai completamente chiarite nelle loro ambigue conclusioni, saranno in grado di sprigionare nell’aria. Infine, una selezione Castello DOC dei Colli di Parma, particolare non trascurabile se si considera che i racconti della serata garantiscono ripetute deglutizioni, farà in modo che la gola non si secchi.    

Per informazioni e prenotazioni:
Dalle 14 alle 19: Tel. 0521.227100 e tutto il giorno: Tel. 0521.272717


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


1532