Shopping       Add to Google

Home

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

martedì 23 luglio 2019
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Wellness the best: Premium Spa Resort Hotels presenta il lusso!

Un sorriso a bellezza naturale

Stampa!

In ambito odontoiatrico si è assistito negli ultimi 10 anni ad un notevole aumento della richiesta di interventi di odontoiatria estetica. I pazienti che hanno deciso di sottoporsi a trattamenti per migliorare il proprio sorriso sono quasi triplicati.

A decidere di sottoporsi ad un intervento di pura odontoiatria estetica sono, oggi, soprattutto donne di età compresa tra i 35 ed i 55 anni, particolarmente attente alla propria immagine, con un buon potere di spesa e che facilmente si lasciano tentare anche dalla chirurgia estetica.
L’attenzione alla qualità del proprio sorriso, però, sta dilagando, e riguarda un numero sempre più grande di persone, sia tra i giovanissimi, che in tutte le categorie sociali.

In effetti, a livello percettivo, il sorriso è responsabile per il 60-70% dell’aspetto dell’intero viso. Diventa quindi sempre più naturale e consueto affidarsi alle abili mani di un odontoiatra estetico.
La buona notizia è che, nonostante quello che generalmente si pensa, il cosiddetto “Hollywood Smile”, vale a dire denti bianchissimi, dritti e tutti uguali, è quanto di più innaturale ci possa essere.
I denti naturali sono normalmente di colore diverso tra loro, quelli centrali sono infatti più bianchi dei laterali e i laterali più bianchi dei canini – spiega Luca Dalloca, odontoiatra di fama internazionale a capo di Health Design, uno dei maggiori centri italiani di odontoiatria estetica, e rappresentante italiano del network mondiale Oral Design – La diversità di colore aiuta a dare profondità al sorriso. Se si rendono i denti tutti dello stesso colore, il sorriso si appiattisce, dando quella sensazione di tastiera di pianoforte, altamente artificiale”.

Ma chi ha davvero bisogno degli sbiancamenti? “Gli sbiancamenti sono consigliati per correggere il colore dei denti scuri, colorati da antibiotici o sui denti devitalizzati, ma quando lo smalto ha bisogno di correzioni importanti è necessario ricorrere alle faccette, come ad esempio su denti abrasi od erosi (per esempio da acidi, limone, succhi gastrici) – afferma Dalloca – che sono i difetti più comuni e causa di un sorriso poco piacevole ”.

Come può cambiare un sorriso?

Il mocke up
Il procedimento si basa su tre fasi principali:

1° Step: lo studio dettagliato della bocca
Lo specialista ha il compito di ascoltare i desideri del paziente e le sue aspettative, ma anche di studiarne la mimica nel parlare e nel sorridere. Sulla base di tali dati, viene elaborato un mocke up, una sottile mascherina mobile di resina bianca, che si applica come un cappuccio sui denti, dando l’idea di quale sarà il risultato finale del restauro.

2° Step: la prova generale
La durata del mocke up provvisorio è di una settimana. E’ trasparente e lo si può esibire in pubblico, valutandone in diretta gli effetti. Sulla base di eventuali critiche da parte del paziente o di altre persone, si confeziona un secondo o un terzo mocke up, fino a quando lo specialista mette a fuoco quello che fa al caso del paziente.

3° Step: risultato finale
Identificato con certezza il sorriso ideale del paziente, si impiegano delle faccette, vale a dire delle mascherine in ceramica con spessore di pochi decimi di millimetro incollate sulla superficie anteriore del dente da modificare. Per eliminare spazi troppo marcati, invece, sono sufficienti le additional veneer, piccoli intarsi di ceramica che vengono posizionati dove serve.
Gli specialisti assicurano un effetto naturale, che dura nel tempo, per circa venti anni.

La filosofia di Health Design

La filosofia alla quale si ispira il team di Health Design ha l’obiettivo di intervenire sulla dentatura del paziente, conservandone il più possibile le caratteristiche della fisionomia e sapendo cogliere le tensioni estetiche che ne rendono il sorriso, ad esempio, troppo spento o troppo aggressivo.
Lo specialista medico che esegue un intervento estetico su una dentatura, deve studiare la persona che si trova davanti, capirne le caratteristiche fisionomiche ed anche psicologiche, ed inserire il suo lavoro di correzione all’interno di un insieme complesso che rappresenta l’unità del paziente.
“La natura non crea mai simmetrie perfette – spiega Dalloca – Tutto ciò che è naturalmente bello presenta più o meno visibili irregolarità che creano però un equilibrio nell’insieme”.


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


16433