Shopping       Add to Google

Sport & Fitness

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

sabato 28 marzo 2020
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

COLLISTAR SPORTING® alla conquista delle 4 ruote 

"SURFESTIVAL", la festa mondiale del surf a vela sul Garda trentino

" Nordic Walking" in Valdaora per mettere KO la cellulite

Mondiali in Grecia: F.I.S.C. tiene banco

Trekking Nostalgico? Fatelo da noi, nelle Valli di Tures e Aurina

Tutti pazzi per il kitesurf!

Vai alla pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 [23] 24 25 26 27 28

Tutti pazzi per il kitesurf!

Stampa!

Un po’ di storia

... ma proprio poca, dato che il kitesurf nasce solo qualche anno fa sulle spiagge di Maui, alle Hawai, e sbarca in Europa - al solito, in Francia - qualche tempo dopo.

Nonostante ciò, il suo successo è da subito enorme, grazie anche alla possibilità di praticarlo in luoghi non particolarmente ventosi: bastano 7 nodi e... si comincia sul serio a divertirsi! è forse questa la ragione per cui numerosissimi windsurfisti l’hanno accolto a braccia aperte, riuscendo a dare un senso a frustranti giornate... di "quasi piatta"!

Oltre ogni aspettativa, però, il successo ha coinvolto anche grandi campioni (tra cui Robby Naish, mitico winsurfista oggi dedito anima e corpo al kite), nonché patiti dello snowboard, del wakeboard, dello sci nautico e del volo a vela (parapendio...).

Ma se, in effetti, il kitesurf ha qualcosa in comune con questi sport, ciò che lo rende così diverso è l’abbinamento di un aquilone (fissato tramite lunghi cavi ad un particolare boma) e di una speciale tavola: non solo scivolamento, quindi, ma anche salti ed evoluzioni di ogni genere...


Qualche consiglio per i neofiti

Se anche voi siete caduti preda del fascino di questa disciplina, siete in buona salute e sapete nuotare, ma non avete alcuna esperienza in merito, la miglior cosa da fare è seguire un corso, meglio se tenuto da un istruttore federale (ce ne sono in tutte le regioni... costiere! italiane): eviterete di trovarvi nelle "peste" alla prima difficoltà, nonché di mettere in pericolo voi stessi e, soprattutto, gli altri.

La prima fase si svolge a terra: imparerete ad assemblare la vela e a collegare i cavi (sembra banale, ma gestire metri e metri di cavo senza ritrovarsi con una matassa inestricabile ed inutilizzabile è più facile a dirsi che a farsi...); poi imparerete a metterla in volo, a controllarla (scoprendo così la mitica "power zone") e a farla atterrare.

Quando il controllo della vela non porrà più alcun problema... vi ritroverete punto a capo, perché in acqua è tutta un’altra cosa... Tranquilli, sarà uno sconforto momentaneo: magari dopo qualche bevuta non prevista (nel mio caso il qualche è un eufemismo, ma sono una "schiappa" e non faccio testo...), l’euforia tornerà più forte di prima.

Dopo il body surf arriverà il momento di gestire tavola e vela in contemporanea: imparerete a partire, la trazione lineare e a risalire la direzione del vento perchè... dovrete pur tornare da dove siete partiti!

Dopo tutto ciò, è solo questione di pratica; nel giro di qualche tempo sarete completamente padroni della situazione e vi potrete lanciare nella grande avventura dei salti e delle numerosissime figure: unico limite... la vostra fantasia.


Melius abundare quam deficere... Il kitesurf è uno sport abbastanza pericoloso (il numero degli incidenti è superiore a quello relativo a sport affini) ed è quindi buona norma, soprattutto per i meno esperti, evitare spiagge frequentate dai bagnanti o troppo anguste. E ricordate anche, in questo caso per la vostra sicurezza, di non sottovalutare la potenza del vento e il rischio di... rientrare a nuoto: allontanatevi da riva tenendo presente la vostra prestanza fisica, non si sa mai... La Federazione Kitesurf Italiana, in collaborazione con altre associazioni e con varie scuole di kite sta stilando un insieme di regole per praticare il kite in sicurezza: informatevi e tenetene conto!

I siti per approfondire l’argomento sono numerosissimi, da quelli delle case produttrici di tavole e vele a quelli delle scuole; a voi l’imbarazzo della scelta... e buon divertimento!


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


1880