Shopping

Sport & Fitness

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

venerdì 22 ottobre 2021
   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

L’Associazione Sportiva Dilettantistica NATURAID “SULLE STRADE DELL’AVVENTURA”.

Naturaid nella Sicilia Barocca 2007

Nuova avventura Naturaid: Speleologia nella grotta in Sardegna

Nuova avventura Naturaid: 24 ore di MTB di Campiglia D’orcia

3° Naturaduno Val Lomasone 2007

Una nuova avventura per il gruppo dei Naturaider.

Il 3° NATURAID Marocco è terminato

News del 9 novembre



La gara è partita!!!

Vai alla pagina: [1] 2 3 4

Avventure nel mondo

A cura di: Maurizio Doro

Stampa!


Emozioni sudafricane: lettera aperta di un biker alla figlia

Cara Stefania,
a volte mi capita di vedere un’immagine, ascoltare una notizia, vivere un’emozione e di pensare: "Ne devo parlare con Ste!" Ma sono cose, sensazioni che non si possono descrivere per mezzo di uno scarno SMS o al telefono, ed allora, rimando al nostro prossimo incontro, che magari, avviene dopo troppi giorni, quando ormai quella cosa ha perso quella forza, quel significato.
Ancora una volta sto facendo un viaggio, ancora una volta in un angolo lontano del mondo molto diverso dal nostro, ancora una volta le condizioni non sono agevoli e sono con persone che certamente mi aiuteranno a crescere; ancora una volta è forte in me il desiderio di volerti trasmettere le sensazioni, anche più intime, che sto provando…

E’ un’ora impossibile e tutti dormono nelle loro tende. Il vento soffia e fa frusciare le fronde degli alti alberi di una radura raggiunta ieri, dopo oltre 145 km di bicicletta attraversando una delle zone più aride di tutto il Sud Africa: è da qui che ti affido questo mio scritto.
Siamo arrivati a Johannesburg in mattinata e nell’aeroporto stesso abbiamo noleggiato tre furgoncini KIA Pregio 2700 diesel da undici posti ciascuno ed un grosso carrello scoperto. Nei VAN hanno trovato posto le 24 persone che hanno aderito al primo raid in bicicletta del Sud Africa, organizzato da Maurizio Doro, compresi i bagagli, le scorte di viveri e la preziosissima acqua; nel trailer, sono state messe le 21 biciclette e tutte le parti di ricambio, nonché gli attrezzi.
Dopo alcune tappe di trasferimento (direzione sud-ovest, 1000-1500 km circa) e la visita a Kimberley di una miniera di diamanti, siamo giunti al limitare del deserto del Kalahari dalle dune rosse, poco distanti dal confine con la Namibia. Lì, abbiamo finalmente tolto le bici dai loro involucri protettivi ed abbiamo iniziato a pedalare lungo le piste, puntando dritti verso nord.

L’impatto con la dura realtà del deserto è stato tremendo: solo il primo giorno, i pulmini al seguito hanno subito due forature ed un grave insabbiamento. I biker sono quindi stati costretti a trasformarsi in meccanici e soccorritori di quegli stessi mezzi che rappresentavano il loro sostegno. Inoltre, queste piste non sono percorribili in altre stagioni dell’anno, se non quella estiva, per cui le temperature elevate, sommate alla fatica, hanno ulteriormente debilitato il gruppo.
Tutto ciò per dire che già a conclusione del primo giorno di pedalata, alcuni erano con la febbre e sotto massicce dosi di tachipirina.
In quattro tappe, abbiamo attraversato una zona del deserto del Kalahari da sud a nord, entrando anche nel Botswana. Per giorni, il paesaggio è rimasto pressoché uniforme con temperature incredibili: 40° all’ombra e 58° diretti (i cristalli liquidi dei computer si liquefacevano, se lasciati al sole!). Per ore ed ore, in assoluta solitudine, abbiamo pedalato nel nulla lungo piste pietrose o sabbiose, assistiti (e soprattutto dissetati) da coloro che di volta in volta si alternavano alla guida dei mezzi meccanici, trovando rare occasioni di ombra al riparo delle spinose acacie o di arbusti cespugliosi.

Sul fare della sera, quando le scorte d’acqua (ormai tremendamente calda) arrivavano al termine ed il sole implacabile era già tramontato, quasi per incanto, si materializzava una fattoria boera oppure una verde oasi (un bravo ad Alex, nostro pianificatore del viaggio). In alcune occasioni, addirittura, le poche parti scoperte (e bruciate) del corpo e l’arsura delle labbra hanno trovato un immediato refrigerio grazie ad un vero e proprio bagno di gruppo in piscina (incredibile, ma vero!).
Le grigliate sotto una fantastica coperta di stelle luminosissime e le dormite più o meno tranquille nelle nostre tende (causa scorpioni od altro), si sono succedute con regolarità e sistematicità.
Poche persone e diverse razze abbiamo incontrato lungo il percorso: ci hanno sempre e tutti mostrato cordialità, ospitalità e simpatia.
Il safari fotografico al “Kgalagadi Transfrontier Park” ci ha regalato immagini di rara forza e bellezza degli animali liberi nel loro ambiente naturale: giraffe, antilopi, struzzi, zebre, gnu, leopardi, rapaci e perfino una leonessa distesa affianco ad un erbivoro parzialmente già divorato…

Passare dai boscimani che vendono i loro souvenir all’esterno delle loro povere tende di paglia, alle zone più a sud con le scritte rupestri degli ottentotti, è stata questione solo di qualche giorno di trasferimento all’interno dei pulmini e/o a cavallo delle nostre biciclette.
La pedalata più bella è stata per tutti sicuramente quella fatta nell’ “Augrabies Falls Park”, ove nei millenni, il fiume Orange si è ha scavato un fantastico canyon nelle rocce di granito con cascate di oltre settanta metri. Se si eccettua la presenza dei molto pittoreschi Kokerboom (piccolo albero col tronco simile al baobab) e di animali di altro tipo, gli scenari circostanti ricordano l’Arizona.
Arrivando a Città del Capo con la stupenda e singolare cornice della Table Mountain e dell’omonima penisola, tanti sono i flash che mi martellano la mente in continuazione, senza ordine di continuità: la lotta del suricate con lo scorpione trovato da Gianni sotto la sua tenda, le improvvise trombe d’aria lungo la pista per Calvinia, il cobra eretto e pronto ad attaccare le bici (con noi sopra) passate a meno di un metro da lui, gli arcobaleni, il gelato alla crema con cioccolato fuso a fine cena nell’oasi in mezzo al deserto, le lunghe, lunghissime, interminabili strade diritte, la tanto desiderata ombra di un albero trovata solo dopo oltre 100 km di pedalata…

Sarà stato per le biciclette lasciate inutilizzate, ordinate ed impolverate sul carrello, o perché è proprio così, sta di fatto che Città del Capo ha rappresentato per noi un mondo a parte, completamente a sé stante rispetto a tutto ciò vissuto fino a quel momento. L’evidenza della piaga dell’aparthaid ancora visibile, i giovani dai fisici prestanti che si esibiscono nelle loro evoluzioni coi kite e coi windsurf, il bagno in mezzo ai buffi pinguini, le foto agli imprevedibili babbuini e poi, la sera, la cena in spiaggia sul fare del tramonto, il vento, il nostro vociare ed i nostri canti che diventano sottofondo e sfondo per qualche bacio rubato tra vecchi e nuovi amori sorti all’improvviso…

Ebbene, Ste, credo di averti detto tutto quello che mi è passato per la mente.
L’onda di parole, sensazioni, emozioni è già andata e mi sento meglio, ora.
Credo di essere riuscito a trasferirti almeno una piccola parte dell’entusiasmo e delle difficoltà, dell’allegria e della fatica, dei piaceri e delle paure che hanno contraddistinto questo viaggio, ma che sono proprie di ogni nostra esperienza di vita. Credo di essere riuscito a farti riflettere su quanto inutili e falsi sono i limiti che ci poniamo o che ci vengono posti. Spero di riuscire ad avere per ancora lungo tempo la forza di alimentare ed incoraggiare la tua voglia di fare, il tuo desiderio di sapere, la tua freschezza, la tua esuberanza, la tua allegria.
Ho ricevuto il tuo ultimo SMS, Ste, in cui mi informavi del voto di inglese. Vai avanti così e non fermarti di fronte a nulla: hai una vita intera davanti, giocatela e vivila! Per quanto mi riguarda, con tutti i miei limiti, non chiedo di meglio se non di esserti da esempio, il più possibile positivo…

Good luck, Ste!
Un grosso bacio ed un caldo abbraccio, il tuo papy
 

Per approfondimenti

www.mauriziodoro.it

 


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


12