Shopping       Add to Google

Estetica e Cosmesi

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

sabato 26 settembre 2020
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Carbossiterapia

Nuovi spumanti da bagno Lush: un brindisi a base di schiuma e oli essenziali

Looks 2003: riflettori puntati sulle unghie

Riflessioni sul concetto di bellezza alla luce della Tradizione Estremo-Orientale

Via la pancia alle Terme Berzieri di Salsomaggiore

Biotherm e Unicef insieme per il progetto “ACQUA PER LA VITA”

Vai alla pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 [31] 32 33 34

Prodotti solari: rischi, benefici e alternative naturali

Stampa!

Cominciamo la nostra indagine sulle protezioni solari partendo da un esame dei cosmetici presenti sul mercato per cercare di capire quanto sia innocuo e quanto sia veramente dannoso cospargersi interamente con certe creme.
La caratteristica principale dei prodotti solari è la presenza tra i componenti di un filtro UV.
I filtri possono essere di due tipi: o sono sostanze in grado di assorbire l’energia solare e trasformarla in calore con una semplice reazione chimica (filtri organici) oppure si tratta di filtri minerali. Questi ultimi agiscono come uno schermo e riflettono totalmente o in parte gli ultravioletti, impedendo loro di penetrare attraverso la pelle.
Già questa prima distinzione ci permette alcune osservazioni sulla "naturalità" vera o presunta dei prodotti solari.

I filtri organici a buon mercato sono spesso molecole che, quando si suda, vengono degradate e superano la barriera cutanea a tal punto che se ne ritrovano percentuali interessanti nel sangue!

Ad esempio il cinnamato è un filtro UVB che penetra e se ne ritrova a livello ematico sino al 20% della quantità totale spalmata sulla cute. Tutto questo può essere ovviato scegliendo un prodotto che contenga invece filtri minerali, perché questi per loro natura non penetrano affatto attraverso la pelle.
Oltre ai filtri UV i solari vantano naturalmente la presenza di altre sostanze ad azione idratante, emolliente, calmante e anti-invecchiamento, come oli e vitamine.

Esistono poi i cosiddetti "attivatori" dell’abbronzatura, che contengono tra i componenti dei precursori della melanina (il più comune è la tirosina): i produttori sostengono che fornendo al corpo i "mattoncini" con cui costruire la melanina quest’ultimo fabbrica più melanina e più in fretta. In realtà l’ipotesi non è ancora stata dimostrata, e tutto sommato si tratta sempre di aminoacidi sintetici che ci applichiamo sulla pelle senza nemmeno sapere bene se facciano effetto e se non facciano danno!

Infine c’è un’ultima categoria da considerare, quella degli autoabbronzanti, prodotti che creano una reazione di ossidazione -e quindi di scurimento- delle cellule più superficiali della cute, cellule ormai morte, e non stimolano affatto la produzione di melanina. Possono essere usati, con parsimonia, anche perché le ultime formulazioni sono notevolmente migliorate rispetto a quelle di qualche anno fa che davano un colore aranciato davvero poco naturale. Tenete però presente che, a meno che non sia segnalato diversamente in etichetta, questi prodotti non hanno protezione solare o ne hanno pochissima e, quindi, non ci mettono al riparo da
eritemi e scottature!

ABBRONZATURA SECONDO NATURA.

Ed eccoci adesso alle sostanze naturali, quelle che ci permettono davvero un "ecotintarella" in linea con uno stile di vita più naturale possibile. Ricordate comunque sempre che il "fai da te" è molto pericoloso in questo campo: le miscele e i dosaggi devono essere rigorosi e precisi. Pertanto le indicazioni che darò in seguito valgono a livello informativo e rimane sempre ottima abitudine quella di utilizzare preparati già pronti seguendo le indicazioni ed i consigli del vostro naturopata o erborista di fiducia.

Buoni filtri naturali sono l’olio di germe di grano e l’olio di sesamo, che filtrano circa il 55% dei raggi UVB, l’olio di oliva e di cocco (26%) e l’olio di vinaccioli e di ricino (19%). Filtri simili a quelli di origine minerale si estraggono dalla propoli e da piante come l’aloe, la calendula, la camomilla, la cascara, l’elicriso e la frangola.

Inoltre potrete trovare il mallo di noce che, pur non essendo un filtro UV, viene impiegato come protettivo ed abbronzante poiché reagisce con le proteine della pelle pigmentandole di bruno con azione schermante, ma nello stesso tempo stimola la produzione di melanina. E’ un’alternativa naturale agli autoabbronzanti!
Tra gli ingredienti naturali non possiamo dimenticare le vitamine, in particolare la E (che si trova abbondantemente nell’olio di germe di grano) che limita i danni da fotoesposizione prevenendo invecchiamento e disidratazione. Anche la vitamina A, che troverete nell’olio di carotene, ha azione idratante, mantiene integra la cute e previene le formazioni tumorali.

Infine vorrei far notare come il "bisogno di sole" nasca dal fatto che nei tempi moderni sia sempre minore il contatto con la natura, poiché la maggior parte delle nostre giornate le trascorriamo chiusi in casa o in ufficio o nei centri commerciali... L’energia solare in giuste dosi è fondamentale per la nostra salute psicofisica: il sole è necessario alla vita di tutte le creature della Terra, uomini compresi! E’ importante esporsi regolarmente al sole, in mezzo alla natura, affinché i nostri occhi e la nostra pelle possano assorbire la luce, i colori delle piante, dell’erba, dei fiori, l’azzurro del cielo e dell’acqua, i profumi degli elementi, percepire sensazioni interne ed esterne a noi... E’ necessario tuttavia esporsi con misura, evitando gli eccessi per non incorrere in tutti quegli effetti negativi di cui abbiamo già parlato (disidratazione, scottature, eritemi, invecchiamento, neoplasie).D’altra parte il sole è una necessità continua per gli esseri viventi ed è impensabile "farne una scorta" durante le vacanze--ahimè sempre più brevi- sperando che basti per tutto l’anno. Deve diventare un’abitudine di vita il contatto con la Natura, all’aria aperta, in uno stato più rilassato, con ritmi e attitudini più consone alla nostra Persona! Impariamo a percepire anche quegli elementi sottili che spesso non notiamo e che invece la Vita ci regala così generosamente in ogni momento del nostro quotidiano!

Legenda per le etichette dei prodotti solari
Alcuni nomi "tecnici" che potrete trovare sulle etichette dei prodotti solari:
Filtri organici: cinnamato, dibenzoilmetano, mexoryl XS, oxybenzone, acido amminobenzoico.
Filtri minerali: ossido di zinco, ossido di titanio.



Un grazie per la collaborazione a LUMEN, Il Giornale della Natura


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


45989