Shopping       Add to Google

Home

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

lunedì 21 ottobre 2019
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Wellness the best: Premium Spa Resort Hotels presenta il lusso!

La psicoterapia: intervista con il dr. Zucconi

Stampa!

Il dottor Paolo Zucconi collabora con Beltade da molto tempo infatti dobbiamo a lui i test che trovate all’interno del portale. Nei prossimi mesi la collaborazione diventerà più attiva con la nascita di una nuova rubrica nell’area Salute e Benessere, approfittando di questo intervistiamo il dott. Zucconi per conoscerlo meglio.

D) Dottor Zucconi, se possiamo chiederlo, come mai ha scelto la professione di psicoterapeuta?
R) per aiutare persone che soffrono silentemente, spesso da sole,  e in tanti casi senza una soluzione concreta ai loro problemi. Ho studiato per trovare soluzioni pratiche allo scopo di modificare con efficacia ed efficienza pensieri e comportamenti che creano problemi.

D) Lei è specializzato in psicoterapia comportamentale e psicoterapia cognitiva, può spiegarci di quali disturbi si occupano nello specifico queste due  branche della psicoterapia?
R) la psicoterapia comportamentale si occupa di comportamenti per lo più patologici: lo psicoterapeuta con formazione comportamentale osserva e analizza ciò che la persona fa o dice, in caso di disturbo si propone di modificare il comportamento allo stesso modo che il terapeuta con formazione cognitiva si propone di modificare pensieri disfunzionali che creano problemi che solitamente si riflettono nel comportamento.

D) Molti pensano che rivolgersi allo psicoterapeuta sia un errore o uno spreco di
tempo e di soldi cosa risponde a queste persone?

R) se ci si rivolge ad un professionista incompetente si rischia di perdere tempo e danaro.
Pertanto conviene sempre accertarsi che il professionista sia iscritto ad un albo professionale
(degli psicologi o dei medici) e abbia veramente conseguito la specializzazione post lauream in psicoterapia. Poi ci sono le caratteristiche e le competenze personali derivanti da quanto un  professionista si è formato post specializzazione. Il conseguimento di ulteriori titoli formativi
può dare ulteriori garanzie  di vero investimento di tempo e danaro per la propria salute.

D) I media sostengono che l’aumento di malattie quali depressione, ansia o attacchi di panico siano il risultato della società in cui viviamo lei cosa ne pensa?
R) Purtroppo è così: tante psicopatologie, anche più invalidanti derivano dal condizionamento sociale . La persona umana, a partire da un dato substrato biologico, è il prodotto delle sue interazioni con l’ambiente sociale da cui viene condizionata. Le stesse abitudini, secondo una prospettiva comportamentista, sono apprese per condizionamento attraverso messaggi persuasivi, pressione conformistica, induzione di colpa e altre modalità con cui si attua l’influenza sociale.  La medesima malattia mentale, quando accertata, riscontra le sue concause nelle contraddizioni sociali che generano incoerenza educativa per cui ciò i valori tradizionalmente presentati dalla scuola e dalla famiglia trovano sconferma nei fatti sociali presentati dai
mass-media. Ulteriore sconfermaquando gli stessi mezzi di informazione ci presentano una realtà troppo diversa dalla prosaica quotidianità, fatta di sacrificio e bilanci che non sempre quadrano a fine mese, in cui vive la maggioranza delle nostre famiglie. Spesso infatti la persona comune, esente da disturbi, si trova impotente verso le istituzioni sociali e le forme di abuso istituzionalizzato, incapace di difendere i propri diritti quando le regole, pomposamente pubblicizzate, non sono uguali per tutti così si percepisce vulnerabile verso l’ipocrisia istituzionale e l’arroganza di un potere, spesso debole con i forti e forte con i deboli. In  tante di queste situazioni politico-sociali, che esasperano particolarmente quelle persone dotate di basse competenze di base e scarsa tolleranza allo stress, possiamo riscontrare quei fattori eziopatogenetici di importanti comportamenti considerati patologici

 

D) A breve all’interno del nostro portale lei si occuperà di una rubrica intitolata “Sessualità e Psiche”, ci può dire quali sono i disturbi più comuni della sfera sessuale?
R) Solitamente si distinguono nella clinica quotidiana i disturbi tipici femminili da quelli maschili. Tra i disturbi sessuali femminili ne cito solo due  che, secondo la frequenza dei disturbi riscontrata dalle donne che si rivolgono al mio ambulatorio,  il primo per richiesta di intervento è il vaginismo (molto diffuso, seccantissimo in quanto causa dei “matrimoni bianchi”, ma solitamente molto risolvibile completamente ed in tempi brevi) o la altrettanto diffusa anorgasmia (orgasmo inesistente, per cui spesso le donne lo simulano). I disturbi più diffusi della sfera sessuale maschile (circa 1 maschio su 3) sono la eiaculazione precoce  e la disfunzione erettile (già impotenza). Comune a uomini e donne oggi è sempre più frequente anche per il nostro sistema frenetico di vita, un desiderio sessuale basso.

D) In questa rubrica che problematiche intende affrontare e in che modo?
R) Tutte le problematiche sessuali maschili  e femminili nei limiti posti da una rubrica telematica. Per cui sarà primariamente favorita la corretta informazione anche considerando che deontologicamente, ma pure praticamente,  non è possibile fare diagnosi a distanze né interventi terapeutici. Tuttavia secondo la mia esperienza trentennale clinica nelle patologie sessuali femminili e maschili la maggior causa di tante problematiche è sempre una informazione scorretta o manchevole.

Per maggiori informazioni:
www.dr-zucconi.it


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


3512