Shopping       Add to Google

Home

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

domenica 22 settembre 2019
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Wellness the best: Premium Spa Resort Hotels presenta il lusso!

Arriva l’Autunno!

Stampa!

L’Autunno è ormai alle porte, freddo e umidità sono in agguato. Febbre e raffreddore non aspettano altro che colpire i nostri anticorpi e noi?
No Panic! Per evitare che l’influenza colpisca con particolare virulenza il nostro organismo è indispensabile adottare un trattamento preventivo teso a rinforzare le nostre difese immunitarie: niente ha effetti migliori di un buon rimedio naturale.

Rosa Canina, Echinacea, Equiseto e Ribes nero, se usati con costanza, nel tempo svolgono un’azione protettiva nei confronti delle malattie invernali come raffreddore, mal di gola, bronchiti e tosse. Questi ingredienti si possono trovare sotto varie forme, dallo sciroppo alle gocce da diluire in acqua, in capsule e tisane. Se vi si unisce anche la Propoli, l’effetto è assicurato!
Quest’ultima, infatti, svolge un’azione antibatterica e antinfettiva contro germi e batteri; contro la tosse stizzosa, invece, l’aggiungere alla tisana base alcune gocce di olio di alloro e due cucchiaini di miele è un vero toccasana.

Ecco la ricetta della tisana contro l’influenza:

Ingredienti 

20 gr. di Echinacea
20 gr. di Ribes nero
20 gr. di Rosa Canina
20 gr. di Eucalipto
20 gr. di Timo
Miele
250 gr. di acqua

Procedimento

Versare un pizzico di ognuna di queste erbe nell’acqua e far bollire per alcuni minuti. Spegnere il fuoco e lasciare macerare per alcuni minuti con il coperchio in modo da trattenere tutta l’essenza delle erbe. In seguito, filtrare e dolcificare con due cucchiaini di miele. E’ consigliabile berne almeno due o tre tazze al giorno, preferibilmente alla sera.

L’efficacia di questa ricetta è amplificata se fate anche dei fumenti, alla sera, prima di coricarvi. Oltre ad un affetto rilassante, servono per liberare dallo smog e l’inquinamento le vie respiratorie, liberare e purificare i pori della pelle.

Ricetta per i fumenti:

Ingredienti

Acqua
Foglie di Eucalipto
Foglie di Timo
Bicarbonato

Strumenti necessari: una terrina di coccio e un asciugamano

Procedimento

Far bollire in una terrina di coccio dell’acqua. Appena raggiunge l’ebollizione, aggiungere le foglie di Timo ed Eucalipto e un cucchiaio di Bicarbonato; posizionarsi sopra la terrina coperti con l’asciugamano per almeno dieci minuti, respirando profondamente.

Contro i dolori muscolari, sciatalgie o piedi affaticati ecco un ottimo rimedio a base di alloro.

Ingredienti:

30/40 Foglie fresche di Alloro
1 L di Olio d’Oliva

Strumenti necessari: una bottiglia di vetro scuro

Procedimento:

Lasciar macerare in una bottiglia di vetro scuro le foglie di Alloro nell’Olio di Oliva per circa un mese, posizionandola in un luogo buio. Ogni tanto agitare il composto in modo che non faccia sediementi. Al termine del periodo indicato, filtrare il tutto ed usare quest’Olio per massaggiare le parti del corpo colpite da sciatalgie o i piedi stanchi dopo una giornata di lavoro.

Ricetta per ridurre i dolori articolari e muscolari

Unire delle foglie polverizzate di Alloro a dell’Argilla verde, aggiungere dell’acqua calda e amalgamare fino ad ottenere un impasto omogeneo, che porrete sulle parti doloranti per alcuni minuti. Vedrete che sollievo!

Attenzione! L’Alloro è una pianta molto semplice e popolare, la ricerca scientifica sta facendo passi da gigante nello scoprire gli effetti benefici e le proprietà di questa pianta e i suoi principi attivi.
I suoi frutti e le sue foglie, però, possono diventare tossiche se non usate correttamente; raccomandiamo, quindi, di attenersi alle dosi consigliate e di usare una certa moderazione.
E’ una pianta antica, risale ai tempi più remoti, ancor prima dei Romani e dei Greci. La leggenda narra che piantare un albero di alloro davanti a casa serviva per proteggerla; infatti, era tradizione piantare allori nei luoghi sacri e in quelli dove si era soliti praticare i riti legati al culto religioso. Da quando, poi, Apollineo iniziò l’uso di incoronare i poeti con rami d’alloro intrecciati, si continuò quest’usanza che è viva ancora oggi con gli studenti universitari nel giorno della laurea.

E che dire delle Castagne?

Ottobre è il loro mese e dell’Autunno sono messaggere. Ma non tutti sanno che la Castagna è un alimento completo, ricco di proprietà e principi attivi.
Sono un dono di Madre Natura, digeribilissimi e duttili, possono essere consumati in svariati modi e per diverse applicazioni.
Si possono mangiare crude, bollite, al forno, cotte sulla brace ma in qualsiasi modo non perdono le loro proprietà nutritive. Da sempre sono considerate il cibo dei poveri anche se, con un po’di fantasia, nel tempo si è cercato un modo per renderli frutti ricercati anche per i palati dei nobili. Alcuni esempi? Le caldarroste, i dolcissimi Marron Glacè, la pregiata Crema di Marroni e la farina di castagne con cui si fa un ottimo dolce: il Castagnaccio.

La Castagna è un frutto simile al frumento per l’apporto nutrizionale che garantisce all’organismo; ha un altissimo contenuto di sali minerali, in particolare di potassio, magnesio, ferro zinco, rame, manganese, fosforo, sodio, zolfo e calcio. Contiene anche le Vitamine B1 e B2 e in 50 gr. di Castagne c’è tanta Vitamina C quanta se ne trova in un limone.
Tutte queste caratteristiche la rendono particolarmente indicata per l’alimentazione dello sportivo; infatti, è un ottimo tonico per stimolare la circolazione del sangue e favorisce il lavoro muscolare. Inoltre, la sua farina è povera di glutine ed è quindi consigliata a chi ha disturbi intestinali e allergie alimentari.

Di seguito troverete due ricette, una per migliorare la bellezza dei vostri capelli scuri e l’altra per stupire amici e parenti con un dolce davvero speciale.. il Castagnaccio!

Ricetta di bellezza per capelli scuri

Per le more o le castane che vogliono impreziosire i riflessi ormai spenti o dare un tono più vivo all’autunno in arrivo il procedimento è molto semplice: basta far bollire in un litro di acqua una manciata di bucce di castagne, per circa 15/ 20 minuti. Spegnere il fuoco, lasciare raffreddare e utilizzare il liquido per l’ultimo risciacquo dei capelli, dopo lo shampoo e il balsamo adeguati. Ripetete l’operazione per più lavaggi e vedrete che risultati!
 

Ricetta del Castagnaccio

Ingredienti:

200 gr. di farina di castagne
  50 gr. di uvetta
  25 gr. di pinoli
sale q.b.
acqua q.b.
finocchietto a piacere

Procedimento:

Setacciate la farina in una capiente marmitta e unitevi i pinoli, 25 gr. di uvetta e una quantità d’acqua sufficiente ad ottenere un impasto morbido, quasi liquido, simile alla besciamella. Aggiungetevi un pizzico di sale e, dopo aver unto una teglia capiente con un cucchiaio di olio di oliva, aggiungete le ultime uvette e il composto. Infornate nel forno già caldo a 200° circa finché non si solidifica; prima di toglierlo dal forno fate la prova con uno stuzzicadenti: se, dopo aver bucato la torta, lo togliete pulito, senza resti di impasto sul legno, allora la torta è cotta al punto giusto. Una volta impiattato il dolce, cospargetelo con del finocchietto, in base ai propri gusti. I bimbi si leccheranno i baffi!

 

Per ulteriori curiosità: www.cinese.com

 


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


8459