Shopping       Add to Google

Home

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

sabato 21 settembre 2019
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Wellness the best: Premium Spa Resort Hotels presenta il lusso!

La dietetica in Medicina Cinese

Stampa!

Per la Medicina Cinese gli alimenti giungono allo Stomaco dopo aver subito il processo di masticazione.
Giunti al Jiao medio (Stomaco e Milza) subiscono la primadistillazione che consiste nella separazione del QI puro da quello impuro e dalla separazione dei liquidi puri da quelli impuri. I primi sono inviati alla Milza che provvede all’ulteriore distillazione e alla trasformazione in energia nutritiva, alla ripartizione dei sapori degli alimenti ingeriti, alla metabolizzazione dell’umidità ed all’invio verso il Polmone dell’energia alimentare appena distillata ( GUQI ). Giunta al Polmone, l’energia nutritiva viene fusa a quella respiratoria a formare la energia nutritiva YINGQI, che verrà distribuita a tutto il corpo dal Polmone stesso.
La YINGQI, giunta ai vari organi, diventa JINGQI propria dell’organo della quale viene a far parte.
La parte impura dell’energia alimentare distillata da parte dello Stomaco, è inviata all’Intestino tenue, che provvede alla separazione di una gran parte di liquidi che sono recuperati, mentre i rifiuti solidi passano nell’Intestino crasso, che provvede ad essiccarli per trasformarli in materiale fecale, che verrà scartato attraverso l’orifizio posteriore YIN ( ano ).

Per quanto riguarda l’energia alimentare possiamo dire che essa viene trasferita all’uomo nel momento dell’assimilazione, ed è un’energia specifica che si evidenzia nel potere vitale (o jing), nel sapore, nella natura, nella tendenza, nell’odore e nel colore, tutti fattori che interagiscono con l’energia individuale e la modificano. Queste modificazioni sono materia di studio della dietetica e della medicina tradizionale cinese, e sono piuttosto varie poiché vengono relazionate non solo con le energie specifiche di ciascun alimento, ma anche con l’età ed alcuni eventi fisiologici e patologici della vita dell’individuo, con il periodo stagionale, con i sistemi di coltivazione adottati, ecc. Quello che può chiarire maggiormente l’argomento si riferisce alla natura dell’alimento. Infatti, se un individuo tendenzialmente portato a soffrire il caldo, a soffrire di ipertensione, di insonnia e di agitazione (sintomi che riconducono alla mente l’immagine del fuoco), assume alimenti di natura calda o tiepida, potrebbe incorrere in gravi evenienze patologiche, mentre verrebbe notevolmente sollevato dall’assunzione di alimenti che posseggono una natura fredda o fresca (che potrebbero “spegnere” o “placare” il fuoco che brucia l’individuo).
Si può quindi affermare che molti errori alimentari vengono commessi proprio quando le caratteristiche soggettive sono disarmoniche rispetto a quelle dei cibi assunti; ed è evidente che una persona è dietologicamente equilibrata e portata a vivere a lungo se fa entrare in sintonia il suo corpo con gli alimenti, mentre è dietologicamente minacciato quell’individuo che è in disaccordo con gli alimenti che assume.

La prima caratteristica degli alimenti è il potere vitale o  principio attivo (jing); essa è una potenzialità energetica che fa in modo che l’alimento entri a far parte dell’individuo che lo ha assunto e infonda in lui l’energia vitale che gli deriva dalla terra, dall’acqua, dal sole. Il jing però è assai debole e poco resistente nel tempo, perciò, se l’alimento viene colto e subito consumato, ha sicuramente un jing più forte che se cotto e conservato a lungo. E’ raccomandabile, infatti, sia nella dietetica tradizionale sia in quella cinese, che gli alimenti vengano consumati crudi e appena colti e, se debbono essere cotti per forza, che la cottura sia breve e molto curata.
Gli alimenti, infatti, possono subire vari tipi di trattamenti durante la cottura: l’arrostimento (uso del fuoco ), la lessatura ( uso dell’acqua e del fuoco ), la cottura a vapore, la frittura ( uso di fuoco e olio ). Anche gli alimenti conservati sono molto diffusi, ma poco raccomandabili sia perché contengono poco jing sia perché i metodi di conservazione alterano le sue caratteristiche originarie.
Gli alimenti che provocano le minori alterazioni sono quelli surgelati, tuttavia il quantitativo di jing viene notevolmente impoverito.

 La seconda caratteristica è data dal sapore (wei) che, oltre a riferirsi a quella sensazione gustativa innescata dall’assunzione dell’alimento, si riferisce ad una carica energetica specifica che modifica le strutture, l’energia e le funzioni dell’individuo.
I sapori sono cinque più due accessori e sono divisi in sapori yang e yin. I primi hanno la capacità di indurre l’energia a velocizzarsi, ad esteriorizzarsi e a salire verso l’alto, mentre quelli yin hanno la capacità di indurre i movimenti opposti. Ogni sapore è legato ad uno dei 5 elementi: al xin il sapore acre, al suan quello acido, al gan il dolce, il ku l’amaro, il xian il salato.

La terza caratteristica è la natura, cioè la capacità di un alimento di agire sul dinamismo energetico dell’individuo. Anche le nature sono cinque e divise in nature yang, calde e tiepide (con capacità ipertoniche ed acceleranti), e yin, fredde o fresche (con capacità opposte). Il non appartenere a nessuna delle quattro, dà origine alla natura neutra, che è armonizzante, inerte e tonificante.

La quarta caratteristica degli alimenti è la tendenza, che si riferisce alla capacità di indurre le proprie peculiarità energetiche a dirigersi nelle quattro direzioni: alto, basso, esterno e interno; per esempio un alimento che induca l’innalzamento, fa in modo che le sue caratteristiche raggiungano la parti superiori del corpo, mentre un alimento che le fa abbassare, induce queste a raggiungere le parti inferiori, così come un alimento interiorizzante fa sì che le proprie caratteristiche raggiungano l’interno, mentre uno esteriorizzante fa sì che raggiungano la cute.

La quinta caratteristica è il tropismo per i canali energetici, che si riferisce alla capacità di un alimento di far sì che le sue peculiarità energetiche si dirigano verso un meridiano energetico particolare o verso più meridiani. Questa caratteristica fa in modo che gli alimenti possano essere scelti in funzione di  ottenere effetti energetici mirati a precisi distretti e funzioni.

L’uso degli alimenti come terapia contro le malattie e come prevenzione di esse è quindi una pratica molto diffusa nella medicina tradizionale cinese e viene sempre abbinata a pratiche terapeutiche più rapide ed efficaci come l’agopuntura, il massaggio, la moxibustione e la farmacologia. Questo perché la forza terapeutica degli alimenti è limitata e agisce in tempi assai lunghi; per questo motivo l’uso degli alimenti a fini terapeutici si pone l’obiettivo di mantenere, nel tempo, i risultati conseguiti con le pratiche più potenti elencate sopra. La dietetica cinese ci offre una vastissima gamma di ricette tradizionali, di rimedi semplici e di piatti medicati. Questi ultimi, di utilizzo squisitamente terapeutico, contemplano l’uso combinato di cibi e di rimedi fitoterapici e comprendono anche un numero notevole di tè e di vini medicati.
Le possibilità di adattare la nostra alimentazione ai nostri equilibri energetici sono infinite. E nella dietetica tradizionale non viene trascurato nessun aspetto di ciò che appartiene alla sfera dell’alimentazione.
I cinesi affermano che un cibo, per essere benefico deve essere bello da vedere e buono da gustare: la presentazione del cibo è altrettanto importante della sua preparazione, anche perché fra le qualità energetiche degli alimenti lo stesso colore gioca un ruolo importante, secondo la teoria dei cinque movimenti. Il modo di consumare i cibi è infine un ulteriore aspetto importante. La tranquillità e la pace interiore, il silenzio o l’armonia dei suoni, la concentrazione sulle qualità di ciò che mangiamo, la masticazione lunga e completa, il lento fluire dei ritmi del pasto, per frugale che sia sono elementi preziosi per assorbire tutte le virtù di una tavola imbandita.
Provate una sola volta a sedervi a tavola con questo spirito, anche solo per mangiare un piatto di spaghetti e sperimenterete un appagamento superiore a quello di un pasto saporito, ma frettoloso.


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


416