Shopping       Add to Google

Home

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

domenica 25 agosto 2019
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Wellness the best: Premium Spa Resort Hotels presenta il lusso!

Arrivederci Yvonne: un ricordo della dott.ssa Mollard

Stampa!

 “ E la falena disse: cerco anch’io, come tutti, una luce nella notte”
Franco Marcoaldi
 

Erano le 9,30 del 7 febbraio 2006, una mattina gelida, con un cielo terso, senza una bava di vento, l’aria immobile, come in attesa. Yvonne Mollard tornava a casa con due buste di frutta e verdura, acquistate, come ogni martedì, al mercato di piazza S. Agostino. E, come sempre più spesso le accadeva da qualche tempo, pensava, passando con passo ancora lieve fra le bancarelle del mercato rionale prossimo alla sua casa, che la vita è un viaggio immobile e breve, un diario frettoloso ed incerto che dobbiamo riempire di corsa, per non recarci a mani vuote all’appunto con il nostro Creatore. Pensava alle cose che aveva fatto in una vita di studio assiduo e di assidua pratica medica e si sentiva serena: non sarebbe andata all’appuntamento a mani vuote.

Scattato il verde ha preso per le strisce pedonali con in testa l’eco dei grandi progetti che aveva da giovane e che aveva, con testarda determinazione, portato avanti: gli studi a Parigi e poi in Giappone, la fondazione della Sowen a Milano, il Centro AFA a Nizza, gli articoli, i libri, i tanti pazienti “accompagnati” in 50 anni di ininterrotta, tenace professione. Pensava ai suoi allievi, a come li aveva cresciuti, con ruvida durezza ed amabile, materna generosità. Non si era accorta che con lei anche un autobus si era mosso da via Olona, rapido, fulmineo, imprevisto. E’ stato colpita di schianto, straziata, il cranio schiacciato dalle ruote posteriori. Appena chiamato (poche ore dopo il tragico evento) da Fabrizio Bonamoni, ascoltandone il racconto ho pensato ad Eschilo: lo schianto al capo, inatteso e mortale. Come Eschilo Yvonne aveva intuito che occorre legare, con un sottile filo rosso, la propria vita con le proprie azioni e che, sempre, dovremmo occuparci, con onestà, di ciò che ci riguarda. Raro esempio di coerenza, così raro che di medici come lei si parla come di specie esotiche e introvabili, come il Belepsch, un uccello conosciuto sinora solo perché raffigurato in una stampa inglese dell’800.

Yvonne, in tutta la vita, ha portato avanti una personale, coerente ricerca su temi che le furono sempre cari, presi dalla tradizione giapponese, espressi da Autori molto sentiti, Mishima e, soprattutto, Kazuo Ishuguro: il destino dell’uomo, la sua fragilità, l’importanza di levigare, togliere, valutare ciò che può essere lasciato, che non è importante da portare avanti. La sua resta lezione di contenuti e di stile, intendendo per stile il modo più autentico di lasciare una traccia. A rileggerla appare evidente il suo modo non casuale di scrivere, una lezione di vera etica, elegantemente sospesa fra quotidiano e sublime, fra frammenti di parlato e accensioni improvvise e impreviste di liricità. Non solo la lezione dei classici taoisti e dei maestri avuti in Francia e in Giappone, ma il coniugarsi più ampio di letture molte (Tolstoj, Rimbaud, Proust ad esempio), da cui mutuava una “medietà lessicale” piena di “spinte verso l’alto”, capace di parlare e far pensare ogni tipo di lettore. Non ho bisogno di dire quanto mi ha sempre colpito questo suo modo di parlare, argomentare e scrivere, quanto, sin dal primo incontro, l’ho trovato simpatetico: ragionamenti che si fanno metafora, accarezzati con simmetria e con forza, spogliati dell’inutile, del fronzolo, che sanno di autentica sincerità.

Negli ultimi anni la sua rettitudine l’aveva convinta che era meglio “vivere in disparte”, quasi nascosta, come per seguire il dettato di Epicuro (late biosas), per non correre il rischio, o anche solo la tentazione, di cadere nelle trappole e gibigiane della “nuova comunicazione”, facile, sciocca, inutilmente semplificativa. Ma ancora inseguiva fatti, sogni, scelte morali: Agopuntori senza Frontiere per aiutare i paesi del III mondo, lezioni private di clinica pratica e teoria metodologica per gli allievi più attenti e meritevoli. Fra i molti ricordi uno, in particolare, affiora alla mente netto, stagliato, concretamente presente. Una lunga conversazione con lei alla vigilia dell’ultimo Congresso SIA-SIRA, a Torino, nel 1998. Mentre mi parlava delle sue ricerche io avevo chiaro, chiarissimo, non solo il senso delle sue parole, ma il senso “definitivo” di tutto quel discorso, di quelle parole messe in fila, che solo così potevano darsi, tanto che a sportane solo una sarebbe svanito tutto. Comprendevo che nel suo parlare c’era la forma ermeneutica della parola, capace di scovare in fondo a tutti gli uomini anche quello che ignorano di sapere. La mia era una esperienza concreta (e che concretamente ancora ricordo): potevo quasi toccare i pensieri e i sentimenti, come se avessero un corpo e dei confini.

Fu in quel momento che compresi cosa è la bellezza. La bellezza, pensai, è stare bene, sentirsi pieno di cose e averne altre fuori che ti rivestono perfettamente, senza lasciarti un solo pezzo di corpo scoperto. La bellezza è un vestito che ti sei cucito addosso, soffice, caldo, indistruttibile, fra i tanti altri che mancano di qualcosa. Ero euforico e pensavo: allora gli uomini possono avere parole così, pensieri così. Grazie a lei stavo comprendendo come si “smascherano le cose” e si conoscono le persone: non un braccio, una spalla, un ginocchio, ma una vivida, precisa, distinta ed irripetibile emozione. Ora che so che Yvonne non c’è più sono preso dallo sconforto, il mondo mi appare avvolto in un fumo denso e grasso, che sale a sbuffi, con funghi bianchi e grigi di fuliggine densa. Ho l’impressione che tutta la luce sia scomparsa, come inghiottita dalla terra. Tutto mi sembra inutile: voci, richiami, libri, pazienti. Mi sento come una mosca in trappola, che continua ad urtare il vetro di una finestra. Poi mi sono ricordato di Tolstoj, di un passaggio della Morte di Ivan Il’ic: “Tu sarai lì, sulla soglia, e guarderai la mia gioia. Al posto della morte c’era la luce. E’ finita la morte – si disse – la morte non c’è più”.

Carlo Di Stanislao

 


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


14572